EvidenzaSassari

Visite ai pazienti, Aou di Sassari: «Tuteliamo la salute e la sicurezza dei ricoverati»

Davanti alla situazione epidemiologica è fondamentale osservare e rispettare le regole di massima prudenza

Sassari. «L’adozione di limitazioni alle visite dei parenti in ospedale è da ricondurre alla necessità di tutelare la salute e la sicurezza dei pazienti ricoverati, in particolare quelli maggiormente fragili e vulnerabili. Comprendiamo le preoccupazioni dei parenti dei degenti ma, a salvaguardia della salute dei pazienti e degli operatori, non possiamo consentire e accettare un rischio così elevato come pone la pandemia da Covid-19». È questa la posizione dell’Azienda ospedaliero universitaria di Sassari che ritiene opportune alcune precisazioni.

«Il responsabile della struttura – aggiunge la direzione – può valutare e decidere, per pazienti che versano in particolari condizioni cliniche, che il ricoverato abbia il conforto di un parente, mantenendo sempre un’attenta vigilanza affinché l’accesso avvenga con tutte le cautele possibili».

L’Aou di Sassari è costituita da oltre 800 posti letto tra degenze ordinarie e day-hospital con una presenza giornaliera media di oltre 720 pazienti (per una degenza media di circa 8 giorni) che, nel periodo estivo, sono saliti al di sopra dei 780.

«È facile comprendere – prosegue – che far entrare un parente per ogni paziente implicherebbe l’ingresso in struttura di circa 800 persone in più ogni giorno, che andrebbero ad aggiungersi agli oltre 2.500 dipendenti e ai circa 700 pazienti che vengono visitati giornalmente negli ambulatori dell’ospedale. Si creerebbero, così, affollamento gli ingressi e assembramenti all’esterno dei reparti, impedendo di fatto il mantenimento delle misure necessarie al contenimento della diffusione del virus all’interno di una struttura delicata come l’ospedale».

La direzione dell’Aou quindi ricorda anche che vista «la situazione epidemiologica emergente, con la comparsa di nuovi casi, è fondamentale osservare e rispettare le regole di massima prudenza». E chiude sottolineando che non sarebbe neanche ipotizzabile la realizzazione di tamponi giornalieri a un così ampio numero di persone, anche in considerazione dell’attività svolta dal laboratorio di Microbiologia, già impegnato quotidianamente nell’attività di analisi e processamento di test molecolari provenienti dall’intero territorio del Nord Sardegna, oltre che per i pazienti in day hospital, in pre-ricovero e per gli operatori sanitari.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: