Cultura

Da venerdì a domenica Florinas in giallo

La quinta edizione sarà dedicata alle “malevite”. Tra gli ospiti l’autore di “Romanzo Criminale”, Giancarlo De Cataldo, Caterina Chinnici, Gianluca Arcopinto

 

 

FlorinasGialloLoc2014Florinas. Tre giorni dedicati al romanzo giallo ed alla letteratura noir, con incursioni nell’audiovisivo. Da venerdì prossimo, fino a domenica, ritorna per la quinta edizione, il festival Florinas in Giallo – L’Isola dei Misteri. Il tema di quest’anno è “le malevite”, un nuovo viaggio attraverso i fatti più cruenti del nostro tempo, un’occasione per riflettere su quanto sia labile il confine tra la fiction e la realtà.

Sotto la tensostruttura montata all’anfiteatro comunale di Florinas si alterneranno nomi affermati e conosciuti dal pubblico, non solo di appassionati della letteratura. Come Giancarlo De Cataldo, magistrato, scrittore di “Romanzo Criminale” e giudice del talent show di Rai Tre “Masterpiece”: sabato sera alle 19,30, intervistato dal direttore della Nuova Sardegna Andrea Filippi, racconterà al pubblico del Festival i momenti più importanti sia della sua carriera da magistrato sia della sua carriera da scrittore. Ma il programma non comprende solo i fatti di mala. Tra gli appuntamenti uno spazio importante sarà dedicato a storie giudiziarie rimaste nella memoria collettiva. Come quelle di Enzo Tortora e dell’avvocato Aldo Marongiu, apparentemente lontane ma legate da tanti errori processuali. Il racconto è affidato nel caso della vicenda Tortora a Michele Anzaldi e Ambrogio Crespi, intervistati venerdì alle 19 da Alberto Urgu, mentre per il caso Manuella, che vide come vittima di un errore giudiziario Marongiu, sabato alle 18 interverranno Maria Francesca Chiappe e Federico De Virgilis. Entrambi gli appuntamenti sono accompagnati dalla visione di due video: il film “Enzo Tortora, una ferita italiana”, di Crespi, e il documentario “Senza garanzie”.

Venerdì alle 18 incontro con il magistrato Caterina Chinnici, figlia di Rocco, ucciso dalla mafia all’inizio degli anni ’80. Si parlerà di mafie viste da vicino, tema ripreso domenica, a partire dalle 19, con Gianluca Arcopinto, produttore cinematografico, che descrive la vita in uno dei luoghi simbolo della mafia e della lotta alla criminalità organizzata nel quartiere delle Vele di Scampia, “l’altra Gomorra”, con la proiezione dei corti del “Laboratorio Mina”. Subito dopo lo scrittore Flavio Soriga dialogherà con la giornalista Rosaria Capacchione

All’interno del festival ci sarà anche un focus sul panorama locale del noir. Ospiti della rassegna, sabato a partire dalle 17, sono gli scrittori sassaresi Gianni Tetti e Paolo Mura, insieme al rappresentante del Collettivo Sabot, Ciro Auriemma.

Spazio poi alle inchieste ed ai misteri della nostra isola. Domenica dalle 17, per la sezione “L’Italia rubata. Sardegna cuore nero”, intervistato dal conduttore radiofonico de “L’Unione in Diretta” Alberto Urgu, il giornalista della Nuova Sardegna Piero Mannironi ripercorrerà le sue inchieste più celebri, dal caso Volpe al tragico rogo della Moby Prince.

Sabato sera, a partire dalle 20,30, il giornalista della Nuova Sardegna Pasquale Porcu racconterà delitti e delizie della Maremma attraverso la vena investigativa del celebre gourmet del XIX secolo Pellegrino Artusi. Il racconto sarà affiancato dalle letture di Maria Antonietta Azzu. Venerdì alle 19 il giornalista dell’Unione Sarda Celestino Tabasso interverrà sul tema “A proposito di giallo”.

L’apertura di questa quinta edizione di Florinas in Giallo sarà affidata venerdì alle 17 alle scrittrici Luciana Capretti e Lucia Tilde Ingrosso, che stimolate da Lalla Careddu, si confronteranno sul giallo al femminile.

FlorinasGiallo2014ConfStampa
Da sinistra, Giovanna Sanna, Marisa Porcu Gaias e Flavio Soriga

Le dichiarazioni. «All’inizio, per la prima edizione, avevamo pensato al romanzo giallo come scelta per meglio radicare una manifestazione letteraria. I risultati ci hanno dato ragione. È un tipo di letteratura che ha molti appassionati, ma anche mille sfaccettature», ha spiegato lunedì nella Sala Giunta del Palazzo della Provincia in piazza d’Italia, in occasione della conferenza stampa di presentazione della manifestazione, il sindaco di Florinas Giovanna Sanna. L’obiettivo era anche avvicinare più persone alla lettura. E anche in questo caso i numeri dicono molto: i prestiti dei libri della biblioteca comunale lo scorso anno sono stati 1800, «Abbiamo un circuito che va dai bambini piccolissimi agli anziani, con richieste di autori particolari». Ma è soprattutto il festival l’evento di richiamo. «Da festival di scrittori si è ampliato a varie professionalità, quelle di chi di crimine si deve occupare per lavoro, come magistrati e giornalisti», ha concluso Giovanna Sanna.

«La Sardegna è un’isola che ha sempre avuto a che fare con banditi, grandi ricercati, fino al 2000 siamo stati la terra dei grandi sequestri. Che in un piccolo comune come Florinas si riesca a riflettere su questo è importante», ha detto il direttore artistico del festival Flavio Soriga, che ha illustrato il programma nel dettaglio. «Il festival è un evento che possiamo definire “fertile” per il territorio. Credo che il giallo sia uno degli strumenti migliori per analizzare tematiche di tipo deliquenziale. E in un periodo di grande difficoltà per la cultura è un fatto importante oltre che molto significativo che Florinas sia riuscito a trovare conferma tra i 16 festival sostenuti a livello regionale», ha aggiungo l’assessore provinciale alla Cultura Marisa Porcu Gaias.

Gli eventi collaterali. Anche per questa edizione la Comes, Cooperativa Mediateche Sarde, ha organizzato due momenti per i più piccoli dal titolo “A caccia di misteri… in biblioteca”. L’appuntamento è per domenica alle 16 con la lettura animata di “Il Misterioso caso del Bruco mai sazio” riservata ai bambini dai 3 ai 5 anni; mentre alle 17,30 sarà il turno della caccia al tesoro letteraria “La bibliotecaria rapita” per bambini dai 7 ai 10 anni. Durante la serata di domenica il festival sarà accompagnato dagli interventi musicali della Brass Marching Band.

All’esterno della tensostruttura si rinnoverà il Giardino in Giallo a cura dei produttori locali e dell’azienda Gemma Sud Mediterranea. Spazio infine a “Sapere e sapori” a cura dell’associazione Avis di Florinas: sarà possibile degustare su prenotazione il Menu Florinas in giallo.

Gli organizzatori. Il Festival del Giallo nasce dalla passione e dalla volontà dell’Amministrazione comunale di Florinas che organizza l’evento con la direzione artistica del Collettivo Giallo Acido e il supporto logistico della cooperativa Le Ragazze Terribili. Un aiuto per la promozione e la vendita dei libri arriva dalla Libreria Azuni di Sassari. Il “Biliardino letterario” sarà curato dalla libreria Cyrano.

Il Collettivo Giallo Acido è animato dal libraio e cantautore Giovanni Peresson, dal giornalista Alberto Urgu, dagli scrittori Luciano Marrocu e Flavio Soriga.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: