CronacaEvidenza

Vaccini, la Sardegna supera 1 milione e 500 mila somministrazioni

Il presidente Solinas: «Massima attenzione sui casi in aumento, serve responsabilità da parte di tutti anche in vista della finale degli europei di calcio»

Cagliari. L’Istituto superiore di Sanità nell’ultimo monitoraggio settimanale ha indicato per la Sardegna un rischio epidemiologico moderato a causa del trend dei contagi in lieve risalita e nonostante nell’Isola si registri ancora un’incidenza contenuta. Sul fronte della campagna vaccinale la Sardegna continua a correre, con il superamento del milione e mezzo di dosi somministrate. «Non dobbiamo commettere l’errore di pensare che la battaglia sia conclusa e che l’emergenza sia definitivamente alle spalle. Serve ancora il massimo impegno da parte di tutti e il rispetto delle misure anti-contagio», dichiara il presidente della Regione, Christian Solinas, lanciando un appello ai sardi. «La circolazione delle varianti – prosegue il presidente – rappresenta una minaccia che non può essere sottovalutata».

«Nell’ultimo anno e mezzo – ricorda Solinas – la Sardegna ha vissuto il dramma della pandemia, che si è abbattuta anche sulla nostra Isola portando sofferenza e imponendo sacrifici a tutta la popolazione: ai nostri anziani e alle persone fragili, costretti all’isolamento nelle proprie abitazioni, nelle strutture e nelle case di riposo, ai giovani, obbligati alla didattica a distanza, alle attività economiche, bloccate dalla diffusione del virus. Abbiamo lottato con fermezza contro un nemico invisibile e insidioso, riuscendo a raggiungere risultati importantissimi. La Sardegna è stata la prima regione italiana a guadagnare la zona bianca e già nella prima ondata siamo stati capaci di abbattere la circolazione virale quasi completamente. Oggi la ripartenza è una realtà e tutta la Sardegna ha iniziato da settimane a muovere i primi passi in una nuova normalità, in un contesto epidemiologico estremamente favorevole raggiunto a costo di grandi sforzi».

«L’entusiasmo per aver ripreso in mano le nostre vite e la nostra socialità non può però portarci ad abbassare la guardia contro il virus, qualunque sia la circostanza». In vista della finale degli Europei di calcio il presidente Solinas aggiunge: «Da tempo attendevamo di poter rivivere e condividere l’emozione per un grande evento sportivo, ma non dobbiamo dimenticare che il virus cammina sulle gambe delle persone. Evitare gli assembramenti, mantenere il distanziamento sociale e l’uso della mascherina, eventualmente anche all’aperto, rappresentano un modo responsabile di poter vivere questo appuntamento».

«Abbiamo tutti il dovere di difendere gli importanti risultati raggiunti nel contrasto alla pandemia – dice l’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu – e per questo ognuno è chiamato a fare la propria parte. Le vaccinazioni proseguono senza sosta e la Sardegna oggi è fra le prime sette regioni per dosi somministrate tra quelle ricevute, all’89,7 per cento, al di sopra della media nazionale. Nella giornata di ieri siamo stati la quarta regione per dosi somministrate ogni centomila abitanti dietro Lombardia, Campania e Lazio. La campagna di immunizzazione è la nostra arma più forte contro il Covid, ma non è l’unica. I comportamenti individuali possono ancora fare la differenza. Serve ancora uno sforzo se vogliamo impedire che il virus riprenda forza. La pressione sugli ospedali ormai è quasi azzerata, ma a preoccupare sono i focolai su cui è concentrata tutta la nostra attenzione».

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: