Sassari

Un seminario informativo su Enasarco

Lunedì prossimo all’hotel Carlo Felice di Sassari la Federagenti Cisal. Sarà presente il segretario generale Luca Gaburro. Dal 1 al 14 aprile si vota per assemblea e cda

 

 

LucaGaburro
Luca Gaburro

Sassari. Circa 5mila agenti e rappresentanti di commercio dell’isola (su 280mila a livello nazionale), dal 1 al 14 aprile saranno chiamati a votare per il rinnovo dell’assemblea dei delegati e del Cda (consiglio d’amministrazione) Enasarco. Si tratta di un appuntamento importante, che potrà cambiare le sorti di tantissimi pensionati e di agenti in attività. Per avere maggiori informazioni sull’attività dell’Enasarco attuale, sui cambiamenti in atto e nel futuro, e su altri aspetti significativi che riguardano l’attività della fondazione Enasarco, il sindacato della Federagenti Cisal ha organizzato

per lunedì 21 marzo alle 16 nella sala conferenze dell’hotel Carlo Felice, un seminario informativo rivolto alla categoria. A relazionare sarà il segretario generale della Federagenti Cisal Luca Gaburro, che oltre a esporre le perplessità della Federagenti sulla gestione Enasarco, chiederà il sostegno agli agenti di commercio a votare la lista “Adesso Basta”. Infatti, accogliendo le numerose adesioni e richieste degli agenti di commercio (che si sono espressi in tal senso grazie a una votazione online predisposta dalla Federagenti) il programma della lista “Adesso Basta”, prevede, la portabilità dei contributi Enasarco in altra gestione pensionistica qualora si perda il lavoro oppure si cambi professione. Attualmente infatti Enasarco, se non si raggiungono i requisiti molto stringenti, ovverosia avere almeno 65 anni di età e 20 anni di contributi versati, (a volte è necessario versare i contributi necessari attraverso la c.d. “prosecuzione volontaria” che nella stragrande maggioranza dei casi non è nemmeno conveniente) trattiene tutti i soldi che gli agenti hanno versato con sacrificio.

La creazione di un sussidio di disoccupazione per gli agenti che perdono tutti i mandati per cause a loro non imputabili – oggi questo sussidio non esiste – potrebbe essere erogato dall’Enasarco attraverso i “contributi di assistenza” versati dalle mandanti e dagli agenti costituiti in società di capitali (pari ad euro 81milioni 221mila come risulta dal bilancio 2014 dell’ente). Il presidente dell’Enasarco deve essere un agente di commercio in attività o pensionato Enasarco. I nuovi amministratori devono operare per spirito di servizio e non per occupare ricche poltrone. La Federagenti, fra l’altro, propone una diminuzione dei compensi erogati ai componenti del Cda.

Tags
Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: