EvidenzaSassari

Tutti in piazza per la scuola

Ci sarà anche il Coordinamento Precari. Giovedì 25 giugno in piazza Castello manifestazione in collaborazione con “Priorità alla Scuola”

Sassari. Il Coordinamento Precari Scuola Sardegna sarà presente giovedì 25 giugno a Sassari, in piazza Castello, alle 17 alla manifestazione “Tutti in piazza per la scuola”, in collaborazione con “Priorità alla Scuola”.

Sassari – è spiegato in una nota – manifesterà insieme ad altre 59 piazze italiane per evidenziare l‘inefficienza della politica del Ministero che continua a dare risposte evasive ai problemi della scuola, nonostante le tanto annunciate linee guida che nella pratica deresponsabilizzano il Ministero scaricando tutte le responsabilità operative su scuola e Dirigenti scolastici. La riapertura dell’anno scolastico è dietro l’angolo e per questo motivo, giovedì 25 giugno tutta l’Italia si unirà al grido “ora o mai più” e “spazio per la scuola, spazio alla scuola” per pretendere che il Governo metta la scuola pubblica al centro dell’agenda della politica.

Con la manifestazione del 25 giugno noi del Coordinamento Precari Scuola Sardegna intendiamo inoltre tenere i riflettori accesi sulla situazione della scuola in Sardegna e dei docenti precari dell’Isola. Il problema del dimensionamento, che ha portato alla chiusura di centinaia di plessi, oggi non può più essere ignorato, è necessario che si ottenga una norma che tenga conto delle reali peculiarità territoriali della Sardegna, non solo a causa dell’emergenza. Quanto alla didattica a distanza ribadiamo che sia stata uno strumento emergenziale e tale debba rimanere. Chiediamo che vengano riaperti i nidi, le scuole, le università e che lo si faccia interamente in presenza, a tempo pieno e in piena sicurezza per studenti, docenti e personale ATA. Per fare questo è fondamentale incrementare gli organici e quindi che lo Stato stanzi risorse, destinandole alle regioni, per poter garantire Il diritto allo studio e il diritto alla salute, costituzionalmente garantiti.

Saremo in piazza anche per ribadire il nostro netto no all’attuazione della Call Veloce, sulla quale si lavora in questi giorni a Roma, poiché causerà la graduale sostituzione dei docenti precari Sardi con docenti provenienti da altre regioni d’Italia. Noi invece chiediamo che i precari Sardi vengano formati ed assunti in Sardegna. I 5000 precari Sardi in questi anni non hanno avuto la possibilità di abilitarsi e specializzarsi e quindi partecipare ad un concorso. Questo a causa della mancata attivazione di sufficienti percorsi di abilitazione e specializzazione nell’Isola. Noi pensiamo che sia ora per la Sardegna il momento di pretendere di poter formare ed assumere il personale scolastico di cui ha bisogno senza importarlo da altre regioni, attraverso l’istituzione di Percorsi Abilitanti Speciali riservati a docenti che hanno prestato servizio in Sardegna. Questo può essere ottenuto utilizzando lo Statuto dell’Autonomia. Questa è una delle proposte che abbiamo portato all’incontro organizzato dall’Assessore alla Pubblica Istruzione Andrea Biancareddu lo scorso 17 giugno.

Abbiamo apprezzato molto l’iniziativa dell’assessore che ha aperto un confronto sul mondo della scuola in Sardegna e sulle sue problematiche, coinvolgendo tutte le parti che direttamente o indirettamente operano in questo settore dagli Enti Locali territoriali, ai sindacati, insieme ai rappresentanti dei docenti e personale Ata.

Il 25 giugno ribadiremo le nostre proposte anche in piazza Castello e chiederemo al Governo risorse economiche straordinarie per la Regione Sardegna in modo che si possano garantire: assunzione dei docenti precari dalle graduatorie provinciali; aumento degli spazi per tutte le scuole di ogni ordine grado; investimenti strutturali per l’edilizia scolastica; prevenzione sanitaria nelle scuole; tempo scuola con ore da 60 minuti, esternalizzazione di servizi e educativi per completare il tempo scuola; scuole inclusive che rispondano ai bisogni di tutti.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: