EconomiaEvidenza

Turismo e passaporto sanitario, gran confusione

Secondo Nicola Monello, presidente Sezione Turismo di Confindustria Centro Nord Sardegna va attuato solo a livello nazionale con un accordo Stato Regioni

Nicola Monello

Olbia. Danni irreparabili per il turismo. Il passaporto sanitario rilanciato dal presidente della Regione Christian Solinas continua a far discutere. Secondo Nicola Monello, presidente Sezione Turismo di Confindustria Centro Nord Sardegna «l’idea nasce con delle buone intenzioni, ossia per garantire una vacanza serena e sicura ai viaggiatori, ma purtroppo non trova una facile attuazione nei fatti».

«Il passaporto sanitario può essere concordato e attuato solo a livello nazionale (se non internazionale), con un accordo Stato regioni, e non ci sono i tempi – spiega Monello –. Inoltre al momento i singoli privati non possono fare un tampone naso faringeo e gli aeroporti non sono nelle condizioni di organizzare dei test rapidi in entrata, per mancanza di spazi e di risorse. Tutto questo si traduce in grande confusione e incertezza per chi sta pianificando una vacanza, e finisce per scoraggiare anziché incentivare l’utente. Anche i testi salivari cui fa riferimento il governatore Solinas sono per il momento in attesa di validazione da parte del ISS, non ci sono i tempi tecnici affinché vengano confermati e poi messi in commercio. Bisogna ricordare ai nostri amministratori che un albergo non accoglie i clienti semplicemente sollevando la saracinesca, ma ha bisogno di mesi di ‘booking window’ per consentire agli utenti di fare le loro scelte. Non c’è più tempo».

«Il turismo a cinque stelle in questo momento oltre a continuare ad investire nella qualità del servizio, nella personalizzazione, nel regalare esperienze indimenticabili, quest’anno punterà anche a garantire maggior sicurezza, maggiori standard di pulizia e igiene, misure di distanziamento sociale, e anche nuovi modi di comunicare con gli ospiti, anche tramite app, in maniera più veloce e diretta», prosegue il presidente della Sezione Turismo di Confindustria Centro Nord Sardegna. «Nonostante questo approccio ‘digital’ purtroppo strida con il concetto di ospitalità e di accoglienza, che invece si basa su sorrisi, strette di mano e contatti interpersonali, purtroppo quest’anno dovremo rivedere il nostro modo di relazionarci con i nostri ospiti, con la speranza di tornare presto a regalare le emozioni che solo il calore umano è in grado di offrire», conclude Nicola Monello.

Tags
Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: