CulturaEvidenza

Teatro Verdi, appena conclusa stagione positiva

Al via tra qualche giorno la rassegna “I Grandi interpreti della musica”, atteso appuntamento con il concertismo internazionale

Sassari. Si è appena conclusa una stagione di grandi risultati al Teatro Verdi di Sassari. I numeri sono davvero incoraggianti: 26 mila spettatori hanno partecipato alle 100 serate realizzate al Verdi (55 spettacoli prodotti dalla gestione per un totale di 15 mila presenze, 45 giornate di ospitalità per complessive 11 mila presenze). Dopo tre anni dall’inizio della gestione dello storico Teatro Verdi la cooperativa Teatro e/o Musica può considerare la prova superata. La rinascita da una situazione precaria determinata anche da aspetti tecnici ha portato oggi il Verdi a pieno regime con un cartellone che vive dei numerosi progetti artistici realizzati dalla cooperativa ma accoglie anche le proposte di molti operatori culturali che si rivolgono a questo teatro per l’allestimento dei propri spettacoli.

«Quanto realizzato è merito dell’impegno del nostro staff e della sensibilità dei proprietari – dice il direttore artistico Stefano Mancini – che hanno investito e creduto nel miglioramento della struttura ora adeguata alle nuove normative di sicurezza. Non era scontato che una struttura organizzativa e produttiva locale riuscisse nell’intento di rimettersi in gioco. Il 2020 è iniziato felicemente con il grande ritorno al Verdi delle proiezioni cinematografiche. La gestione Moderno Cityplex ha chiesto ospitalità per un film che ha fatto il pieno per 12 giornate, riportando il Cine-Teatro Verdi ai fasti di un tempo».

Il teatro ospita stagioni concertistiche di livello internazionale, rappresentazioni teatrali, spettacoli di danza e incontri letterari accogliendo il pubblico anche nell’elegante Sala Concerti. «In questo spazio prezioso e più raccolto – conclude Mancini – organizziamo anche presentazioni di nuovi album musicali, incontri e laboratori teatrali che portano al Verdi oltre al pubblico tradizionale anche una nuova utenza che scopre la bellezza e il valore di un luogo che ha il merito di aver tenuto alta la tradizione culturale di Sassari dalla seconda metà dell’ottocento ai giorni nostri».

A breve torneranno al Verdi gli appuntamenti con la grande letteratura musicale con otto concerti da febbraio ad aprile dedicati alle star internazionali della musica classica. Ad aprire cartellone di grandi stelle sabato otto febbraio sarà un duo d’eccezione composto da Uto Ughi e Bruno Canino. Venerdì 14 febbraio sul palco salirà il pianista franco-canadese Louis Lortie. Grande attesa anche per il concerto di Mario Brunello (venerdì 21 febbraio) uno dei più apprezzati violoncellisti italiani. Una Serata dedicata a tutti i melomani quella di venerdì 28 febbraio con il recital della cantante palermitana Desirèe Rancatore che eseguirà arie tratte da opere di Rossini, Verdi, Mascagni Bellini e Donizetti. Venerdì 13 marzo sarà ospite un altro grande interprete il violinista Pavel Berman che dirigerà l’orchestra Antonio Vivaldi di Venezia. Autentico Tris d’assi lunedì 23 marzo con l’esibizione dell’ensemble Nuovo Trio Italiano formato da: Alessandro Milani al violino, Luca Ranieri alla viola e Pierpaolo Toso al violoncello. Immancabile venerdì 27 marzo l’appuntamento con il concerto dedicato ai giovani talenti sardi con i migliori allievi dei due conservatori sardi di Sassari e Cagliari. Tutti i concerti avranno inizio alle 21. Info 079236121.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: