Sassari

Studenti nel centro di Sassari, la soluzione più veloce è l’Hotel Turritania

Ma rimane in piedi l’ipotesi Caserma La Marmora. C’è il rischio di perdere parte dei 40 milioni di finanziamento destinati alla residenza studentesca. La settimana prossima il sindaco Nicola Sanna vedrà i vertici dell’Ersu

 

 

Turritaniaanni90
L’Hotel Turritania negli anni ’90

Sassari. Facciamo il punto sulla casa dello studente alla Caserma La Marmora. «Che sta succedendo? Abbiamo letto da poco notizie molto allarmanti: ad oggi, a più di un mese dalla sua esternazione, il Comune non ha avuto ancora incontri con i vertici dell’Ersu. A questo punto siamo molto preoccupati per i tempi». È quanto ha detto martedì pomeriggio il consigliere comunale di Forza Italia Giancarlo Carta, che ha presentato una segnalazione al sindaco Nicola Sanna.

«Da parte mia non posso che dire che è ancora in corso una procedura di evidenza pubblica e che non è mia intenzione interferire. La settimana prossima avrò un incontro con il presidente dell’Ersu ma a procedura chiusa. Faremo capire quali sono le indicazioni di questa amministrazione», ha risposto il primo cittadino. «Rimane in piedi una proposta come quella della caserma di piazza Castello. La città vuole che gli studenti arrivino e stiano al centro. Allo stesso tempo vuole anche che la Brigata Sassari rimanga al centro. Occorre insomma dare ospitalità al Comando negli stabili adatti».

Sul futuro della Caserma La Marmora di piazza Castello e sul mantenimento dei 40 milioni di euro di finanziamento per la residenza studentesca «è nel complesso una questione che impegna Comune, Regione ma anche lo Stato. Stiamo lavorando per costruire soluzioni che diano spazio a tutti. Non posso accettare alcuna responsabilità sul rischio della perdita del finanziamento, richiamato da una lettera dell’Assessorato regionel della Pubblica istruzione e che vogliamo evitare nella maniera più assoluta. Se c’è una responsabilità questa non è da ascrivere a questa o alla passata amministrazione ma a chi non ha tenuto conto delle linee urbanistiche», ha detto ancora il sindaco. Per il Cipe non ha chiesto: presentate progetti solo sui campus. «Noi comunque siamo nelle condizioni di offrire anche altri immobili, come l’Hotel Turritania. Se l’Ersu concorda sulla strategia di ospitare gli studenti nel centro storico il Turritania è uno di questi edifici. Sarebbe una parziale risposta, perché dobbiamo garantire 400-500 posti letto. Ma se il pericolo è perdere i primi 20 milioni di euro del finanziamento complessivo credo che siamo già in grado di dare una risposta immediata utilizzando proprio il vecchio albergo di Porta Sant’Antonio. Aggiungendo poi gli altri immobili, come la Caserma La Marmora».

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: