EvidenzaSpettacoli

Stagione lirica a Sassari, venerdì Madama Butterfly

È il primo titolo in cartellone. Le altre opere sono “Il turco in Italia”, “La vedova allegra” e il dittico “Il telefono (The telephone)” e “La serva padrona”

Le prove della Madama Butterfly

Sassari. “Madama Butterfly” di Giacomo Puccini, “Il turco in Italia” di Gioachino Rossini e “La vedova allegra” di Franz Léhar, oltre al dittico “Il telefono (The telephone)” di Giancarlo Menotti e “La serva padrona” di Giovanni Battista Pergolesi. È il cartellone della Stagione lirica dell’Ente Concerti Marialisa De Carolis, che dall’8 ottobre riporterà la grande musica in città. Pubblico ancora contingentato per il primo titolo in calendario, venerdì prossimo (alle 20,30) e domenica in replica (alle 16,30), il capolavoro di Puccini, un titolo particolarmente amato dai melomani sassaresi, proposto al Teatro Verdi già sei volte e una anche al Comunale, nel 2014. L’unica nota negativa sarà costituita, almeno per questa prima opera, dalle limitazioni (appena 400 spettatori ammessi) imposte al pubblico per l’emergenza sanitaria, ancora in corso seppure in via di superamento: per questo motivo sarà offerta una diretta televisiva su Videolina, rilanciata anche sul sito web dell’emittente sarda e visibile in tutto il mondo. L’allestimento della “Madama Butterfly” è originale a cura dell’Ente Concerti dell’emittente Videolina, in tv e sul sito internet, visibile quindi in tutto il mondo. L’Orchestra del De Carolis sarà diretta da Marco Alibrando, a Sassari lo scorso anno per “Il tabarro”, sempre di Puccini. La regia invece è di Giulio Ciabatti, un altro nome già conosciuto dal pubblico del Comunale per “Tosca” e “Il barbiere di Siviglia” nel 2017 e “Suor Angelica” nel 2020. Cast internazionale con il soprano coreano Karah Son, Butterfly nei teatri di tutto il mondo, il tenore Roberto Aronica (Pinkerton), di casa alla Scala, al Metropolitan, alla Royal Opera House e al Liceu di Barcellona. Gli altri interpreti saranno Angelo Veccia (Sharpless), Bruno Lazzaretti (Goro) e i giovani sardi Martina Serra (Suzuki), Petra Haluskova (Kate Pinkerton), Claudio Deledda (Yamadori), Alessandro Abis (Bonzo), oltre ai solisti del Coro dell’Ente Concerti preparato da Antonio Costa. Scene di Maddalena Moretti, costumi di Filippo Guggia e disegno luci di Tony Grandi.

La conferenza stampa a Palazzo Ducale

La Stagione lirica 2021 è stata presentata alla stampa martedì mattina nella sala consiliare di Palazzo Ducale. Sono intervenuti il sindaco Nanni Campus, il presidente dell’Ente Concerti Antonello Mattone, il direttore artistico Stefano Garau, l’assessore comunale alla Cultura Nicola Lucchi e il vicepresidente del De Carolis Michele Malanga. «L’Ente Concerti esprime profondo rammarico e delusione per la mancata riapertura dei teatri, ancora in gran parte chiusi al pubblico – ha detto il presidente Mattone –. Nostro malgrado siamo costretti a rifiutare le tante richieste di abbonamenti e biglietti serali per Madama Butterfly ed è per questo che abbiamo deciso di impegnare ulteriori risorse per la trasmissione in diretta televisiva, e in tutto il mondo grazie a internet, di un’opera così amata dal pubblico».  

«Tentiamo di tornare alla normalità: l’anno scorso fummo i primi in Italia a sfidare la pandemia – ha aggiunto il direttore Garau –. I titoli sono stati scelti anche tenendo conto delle restrizioni, evitando organici numerosi. Butterfly e Vedova allegra sono i pilastri della stagione, con cori e altro. In realtà, avevamo previsto in origine anche l’Otello di Verdi, che prevede un’orchestra enorme e grandi masse corali. Ciononostante offriamo al pubblico, cinque titoli che spaziano lungo tre secoli di musica, con cast di alto livello a cominciare proprio da Madama Butterfly».

Gli altri titoli. Si proseguirà il 29 e il 31 ottobre con “Il turco in Italia” di Gioachino Rossini (29-31 ottobre), eseguito a Sassari in tempi moderni soltanto nel 1983. Il “dramma buffo per musica” sarà diretto da Attilio Tomasello in un allestimento firmato dal grande baritono Alfonso Antoniozzi (che da qualche anno si dedica alle regie) per il Teatro Fraschini di Pavia. Tra i protagonisti Simone Alberghini (Selim), Daniela Cappiello (Fiorilla), Marco Bussi (Geronio), William Hernández (Prosdocimo). Le parti corali saranno affidate alla “Canepa” istruita da Luca Sirigu.

Il 12 e il 14 novembre sarà proposto un insolito dittico, con un’opera di metà Novecento come “Il telefono (The telephone) di Giancarlo Menotti abbinata all’intermezzo buffo del 1733 “La serva padrona” di Giovanni Battista Pergolesi. “The telephone”, composto nel 1947, sarà presentato nella versione originale in lingua inglese. Ma non sarà una novità assoluta: era stato infatti eseguito a Sassari nel 1957. “La serva padrona” invece, graziosa composizione di un 23enne Pergolesi (morto giovanissimo appena tre anni più tardi), non viene allestita in città da sessant’anni esatti. L’Orchestra dell’Ente sarà diretta da Alessandro Palumbo, con la regia di Jacopo Fo, in un nuovo allestimento in coproduzione con la Fondazione Pergolesi-Spontini di Jesi. A dare vita ai vari personaggi sul palco saranno il soprano Aleksandra Kubas-Kruk (applauditissima Gilda nel Rigoletto 2018) e il baritono Filippo Polinelli.

Il 3 e il 5 dicembre ultimo titolo in cartellone: “La vedova allegra”, di Franz Lehár, operetta famosissima, eppure mai eseguita in un rassegna curata dall’Ente Concerti. Sul podio il direttore catalano Sergio Alapont (a Sassari in “Aida” nel 2015, “Roméo et Juliette” nel 2012, in “Norma” nel 2011 e nel “Barbiere di Siviglia” nel 2010). Tra i tanti protagonisti, Clemente Antonio Daliotti, Vincenzo Nizzardo, Marco Miglietta, Madina Karbeli, Andrea Binetti e tanti giovani cantanti sardi, insieme al Coro dell’Ente, in un divertente allestimento di Renato Bonajuto e Andrea Merli.

Anteprime e presentazioni. Con la parziale apertura del Comunale anche gli studenti potranno tornare a teatro con i loro insegnanti. Riprendono quindi le Anteprime dedicate alle scuole, il mercoledì pomeriggio prima della prima, volute dal De Carolis per avvicinare all’Opera i più giovani. Analogamente riprenderanno le presentazioni con i protagonisti e gli esperti che negli ultimi anni avevano coinvolto anche le scolaresche. Si inizia mercoledì 6 ottobre, alle 11, nella sala Sassu del Conservatorio “Luigi Canepa” di Sassari, con la presentazione di “Madama Butterfly”. Parteciperanno la musicologa Paola Cossu, il direttore d’orchestra Marco Alibrando e Giovanna Spinelli, assistente del regista Giulio Ciabatti.

Biglietteria online e abbonamenti. L’enorme richiesta di biglietti e abbonamenti segnala una grande voglia di Opera e musica dal vivo dopo il blocco delle attività dovuto alla pandemia. Non appena sarà consentita la ripresa della vendita – ora limitata a poco più di 400 posti – gli abbonamenti e i biglietti serali saranno disponibili anche online sul nuovo sito enteconcertidecarolis.it

Green Pass. L’ingresso al Comunale sarà consentito soltanto ai possessori di green pass. Tutti dovranno indossare la mascherina per l’intera permanenza in teatro, mantenere la distanza di sicurezza e rispettare tutte le norme ancora in vigore per limitare la diffusione del contagio.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: