EvidenzaSassari

Sostegno ai sassaresi dai fondi per i migranti

In Consiglio comunale ordine del giorno presentato da Desirè Manca (M5S) e sottoscritto anche dai gruppi di Forza Italia e Sassari è

 

MigrantiPortoTorresSassari. «Il Governo ha stanziato 500 euro per ogni migrante registrato e ospitato nei vari Comuni sardi e italiani: i fondi però non sono vincolati, utilizziamoli quindi per l’accoglienza ma, anche, per dare sostegno ai nostri concittadini in difficoltà». È la proposta di Desirè Manca (M5S), che in Consiglio comunale ha presentato un ordine del giorno sottoscritto anche dai gruppi di Forza Italia e Sassari è.

A Sassari attualmente – è spiegato in una nota stampa –, sono registrati 700 migranti, il Governo, come detto, ha stanziato per ogni Comune italiano un “bonus gratitudine” di 500 euro a migrante: Palazzo Ducale quindi dovrebbe aver diritto a ricevere circa 350mila euro. Si tratta di una somma non vincolata che le Amministrazioni comunali possono utilizzare secondo criteri e indirizzi stabiliti dalle stesse con un unico paletto: il rispetto del bilancio armonizzato e, quindi, la necessità di spendere i suddetti fondi entro l’anno in corso.

A Sassari, nel 2017, sono stati modificati i parametri per l’attribuzione dei punteggi utili all’assegnazione dei contributi comunali per i canoni di locazione agevolati. Nello specifico, le risorse stanziate per i contributi affitti ammontano a 900mila euro complessivi. Il numero delle richieste accolte è pari a 295, a fronte però di 600 domande complessive pervenute a palazzo Ducale. La riflessione è d’obbligo, spoglia di qualunque strumentalizzazione di tipo razzista», riporta la nota.

«Metà dell’importo derivante dai “bonus gratitudine” potrebbe essere destinato dal Comune del sindaco Nicola Sanna a tutti quei cittadini sassaresi che, in stato di povertà riconosciuta, non sono rientrati anche per poco nella graduatoria contributi affitto comunale – afferma Desirè Manca –. Non ci sono vincoli ai fondi governativi, è il Comune a poter scegliere: non si tratta di compiere un illecito, si tratta di operare una scelta politica, ponderare le situazioni e agire. Lo stato di disperazione sociale è pieno e comune: aiutiamo i migranti, ma aiutiamo anche i cittadini bisognosi».

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: