EvidenzaPolitica

Rimodulare le tariffe di utilizzo degli spazi culturali

Il gruppo consiliare del Pd, primo firmatario Giuseppe Mascia, ha protocollato una mozione che verrà discussa alla ripresa dei lavori dell’Assemblea Civica

Lo storico Teatro Civico di Sassari

Sassari. Rimodulare, anche esclusivamente per il periodo legato all’emergenza covid-19, il piano delle tariffe di utilizzo degli spazi culturali. È la richiesta del gruppo consiliare del Pd, che ha protocollato una mozione, che vede Giuseppe Mascia come primo firmatario. Ecco il testo.

 

Consig. Giuseppe Mascia, Giuseppe Masala, Fabio Pinna, Carla Fundoni
Oggetto: Modifica temporanea tariffe per l’utilizzo degli spazi culturali

Premesso
–       che con Deliberazione n. 29 del 28.01.2020 della Giunta Comunale sono state approvate per l’anno 2020 le nuove tariffe relative “all’utilizzo degli spazi culturali per la realizzazione di manifestazioni di spettacolo, eventi, iniziative diverse o per esposizioni”;
–       che le suddette tariffe sono riportate nelle tabelle A, B e C della medesima Deliberazione.

Visto
–       che la suddetta Deliberazione conferma che “gli spazi culturali sono utilizzati dalle associazioni e dagli operatori culturali autorizzati […] per favorire lo sviluppo, la promozione delle attività culturali e per migliorare la qualità della vita comunitaria”;
–       che nella stessa Deliberazione è “ritenuto opportuno riservare a eventuali e ulteriori provvedimenti la definizione di diverse condizioni di utilizzo per fini di interesse pubblico e di sviluppo artistico e culturale”.

Considerato
–       che come altri settori l’ambito delle attività culturali continua a subire gli effetti legati all’emergenza covid-19;
–       che in ragione delle misure di prevenzione la capienza di pubblico soprattutto negli spazi al chiuso è fortemente limitata, il che determina per gli operatori un forte ridimensionamento delle possibilità di sostenere le proprie produzioni per via degli elevati costi per le stesse;
–       che, per esempio, la capienza di Palazzo di Città è passata da un numero di 240 a un numero di 100 posti a disposizione;
–       che al mancato guadagno potenziale per il numero di posti ridotti vi sono da aggiungere i costi di tutte le ineludibili certificazioni a carico del richiedente per potere usufruire degli spazi;

Ritenuto
–       che il protrarsi dello stato di emergenza determinerà il perdurare di misure preventive come la riduzione dei posti a disposizione;
–       che i costi elevati e i mancati guadagni potrebbero indurre gli operatori a favorire l’utilizzo di altri spazi rispetto a quelli messi a disposizione dal Comune di Sassari.

Ritenuto inoltre
–       che l’Amministrazione, nelle more dei propri documenti programmatori e della stessa deliberazione richiamata in premessa, debba tentare di mettere in atto tutte le misure per favorire sia l’utilizzo dei propri spazi sia la realizzazione di una adeguata programmazione in essi;
–       che una rimodulazione delle tariffe, anche solo nel periodo emergenziale, ridurrebbe il carico per gli operatori del settore e garantirebbe una continuità di programmazione per l’Amministrazion

–       che un mancato o un non adeguato utilizzo dei suddetti spazi potrebbe costituire un danno sia economico sia culturale per la città di Sassari e per questa Amministrazione.

Considerato quanto sopra esposto
con la presente mozione si impegna Sindaco e Giunta a mettere in atto tutte le azioni ritenute necessarie per rimodulare, anche esclusivamente per il periodo legato all’emergenza covid-19, il piano delle tariffe di utilizzo degli spazi culturali per favorirne la richiesta e l’utilizzo.

Consig. Comunali Partito Democratico Giuseppe Mascia, Giuseppe Masala, Fabio Pinna, Carla Fundoni

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: