CronacaEvidenza

Riformatori Sardi, no alla chiusura della Scuola in Cardiologia di Sassari

Il capogruppo in Consiglio regionale Salaris, insieme a Cossa, Satta e Marras, ha presentato un’interrogazione al presidente Solinas e all’assessore Nieddu

Aldo Salaris (Riformatori)

Sassari. Sulla paventata chiusura della Scuola di Specializzazione in Cardiologia presso l’Aou di Sassari è immediato l’intervento del capogruppo in Consiglio regionale dei Riformatori Sardi Aldo Salaris che, insieme a Michele Cossa, Giovanni Antonio Satta e Alfonso Marras, ha presentato un’interrogazione al presidente Solinas e all’assessore alla Sanità Mario Nieddu. La richiesta è diretta: «Quali iniziative si intendono intraprendere per evitare la chiusura della scuola?».

Salaris interviene su un problema che nasce a fine 2018 con l’andata in pensione del direttore della Cardiologia dell’Aou Pier Franco Terrosu e che ad oggi è ancora irrisolto tanto da rischiare di diventare emergenza. È tuttora in corso una raccolta firme promossa dagli studenti universitari e gli specializzandi hanno scritto una lettera “aperta” per chiedere la trasformazione in struttura complessa con direzione universitaria del reparto: questa è l’unica soluzione possibile per scongiurare la chiusura della scuola.

«Siamo convinti che il mantenimento della scuola di specializzazione sia una priorità da salvaguardare così come indicato nel protocollo d’intesa tra Regione e aziende universitarie», scrivono i Riformatori che ritengono inoltre sia da potenziare la struttura ospedaliera con mezzi e personale, garantendo così ai pazienti di avere garantiti ed adeguati livelli di assistenza.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: