CronacaEvidenza

Rete dei laboratori, Peru: «Uno sfregio per Sassari»

Il vicepresidente del Consiglio regionale ricorda che «senza un ripensamento sulla gara sarà cancellato il centro analisi»

Sassari. Sembra inarrestabile il depotenziamento della sanità nell’area vasta di Sassari. Nessun ripensamento dalla giunta regionale sulla gara per la fornitura ai laboratori analisi. Il vicepresidente del Consiglio regionale Antonello Peru lancia l’ultimatum. «Senza un dietrofront – spiega l’esponente degli azzurri nel palazzo di via Roma, che sulla questione ha presentato un’interrogazione – il piano di riordino dei laboratori targati Ats, elaborato dalla Regione, avrà come effetto immediato la soppressione di Sassari dai quattro hub isolani. Un ulteriore schiaffo al territorio». Uno smacco per il Nord ovest della Sardegna. «È inconcepibile la decisione di suddividere l’Isola in un poker di hub distribuiti su Cagliari, Oristano, Nuoro e Olbia – continua Peru – cancellando così Sassari come punto di riferimento per gli esami medici, i prelievi ematici e le analisi cliniche».

La proposta del consigliere forzista contrasta con l’assetto varato: «Vogliamo che il laboratorio analisi abbia il suo motore a Sassari. Il capoluogo ha una macchina attrezzata per gestire la macchina, per cui non si comprende questa abolizione. Siamo certi che, oltre i laboratori analisi Ats, anche l’Aou potrebbe garantire questo servizio, lasciando così l’hub unico al nord Sardegna». Si vuole così scongiurare che la gara possa lasciare un vuoto nei laboratori analisi del nord Sardegna. «Il riordino non tiene conto delle cifre. Secondo i dati emersi negli ultimi anni sul bacino di Sassari – prosegue Peru – il numero di analisi si aggira su due milioni di esami (esterni) all’anno, più altre migliaia (che si indirizzano dal laboratorio di base all’Aou) e 20 operatori impegnati nelle diverse attività solo nel complesso del capoluogo». Di contro, il presidio della Gallura arriva a contare appena 700mila analisi (con esami che arrivano da Olbia, Tempio, La Maddalena). Elementi significativi che certificano i motivi della contrarietà alla nuova geografia dei laboratori. «A Olbia l’attività si dimezza rispetto a Sassari. Si tratta quindi di una rivisitazione illogica ed insensata – conclude Peru – con un assetto senza nessun criterio. Non solo. A questi disagi si aggiungano i rischi legati al trasporto dei campioni e al costo per il trasferimento verso la Gallura. Lo smembramento del laboratorio analisi certifica la continua erosione della sanità a Sassari, con un declino dell’offerta sanitaria inaccettabile per i pazienti».

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: