EvidenzaSpettacoli

Rassegna Organistica, stasera concerto di Emanuele Carlo Vianelli

Nella cattedrale di Santa Maria ad Alghero alle 21 musiche di Johann Sebastian Bach, César-Auguste Franck e Louis Vierne

Alghero. Mercoledì 5 agosto la ventesima edizione della Rassegna Internazionale Organistica, inserita nel cartellone del “Festival del Mediterraneo – Rassegna di Musica e Cultura in Sardegna”, propone un concerto con un organista di caratura internazionale, il milanese Emanuele Carlo Vianelli, che eseguirà musiche di Johann Sebastian Bach, César-Auguste Franck e Louis Vierne. L’appuntamento (il sesto finora) con la grande musica per organo è ancora una volta nel Duomo di Santa Maria di Alghero, con inizio alle 21. Vianelli, titolare dei grandi organi del Duomo di Milano, la scorsa Pasqua è stato protagonista insieme ad Andrea Bocelli del concerto “Music for Hope” in diretta streaming mondiale proprio dal Duomo di Milano.

L’emergenza covid non ferma insomma le proposte musicali inserite nel programma del Festival, con la direzione artistica del maestro Antonio Mura, e della Rassegna Organistica, sotto il coordinamento artistico del maestro Ugo Spanu, organizzati e promossi dall’associazione culturale Arte in Musica con il contributo e il patrocinio della Regione Sardegna, Assessorato alla Pubblica Istruzione Beni Culturali Spettacolo e Sport, della Presidenza del Consiglio regionale, della Fondazione di Sardegna, della Fondazione Alghero e del Comune di Alghero, oltre che delle Diocesi di Alghero-Bosa e Sassari, queste ultime con ruolo di supporto logistico, organizzativo e mediatico.

Il programma del concerto di Emanuele Carlo Vianelli in calendario mercoledì 5 agosto comprende: di Johann Sebastian Bach Preludio e fuga in Do maggiore BWV 547, Adagio dal concerto per clavicembalo e archi in Fa minore BWV 1056 (Trascrizione per organo di Mario Rossetti), Fuga “alla Giga” in Sol maggiore BWV 577; di César-Auguste Franck Prière op. 20; di Louis Vierne Allegro (dalla “Deuxième Symphonie”) op. 20, Berceuse (dalle “Pièces en style libre”) op. 19, Final (dalla “Première Symphonie”) op. 14.

L’ingresso al concerto è gratuito. Saranno osservate le prescrizioni sanitarie anti covid 19.

Emanuele Carlo Vianelli. Milanese, cresciuto alla scuola del padre Lavinio, di Romana Grego (pianoforte) e di Enzo Corti (organo e composizione organistica), compiuti gli studi presso la Civica Scuola di Musica di Milano e il Conservatorio “Lucio Campiani” di Mantova, si è in seguito perfezionato presso il CNSM di Ginevra, sotto la guida di Lionel Rogg. Vincitore ai concorsi organistici nazionali di Cagliari (1986) e Noale (1987/88) ha parimenti seguito svariati corsi di perfezionamento con docenti quali Harald Vogel, André Isoir, Michael Radulescu e Carlo Stella, approfondendo particolarmente – dal 1985 al 1990 – il repertorio bachiano con Wilhelm Krumbach e la letteratura romantica e contemporanea con Arturo Sacchetti.

Svolge intensa attività concertistica in tutta Europa ed è titolare delle cattedre di Organo e di Teoria e Lettura musicale presso il Civico Liceo Musicale “Riccardo Malipiero” di Varese, oltre che maestro collaboratore presso la Cappella Musicale del Duomo di Milano; Ha inciso per le etichette Carrara, Motette e B.A.M., operando nel contempo anche come direttore, compositore e pubblicista.

In qualità di docente ospite, in particolare presso i Conservatori di Bologna e Cagliari, ha tenuto svariate masterclass sull’interpretazione della letteratura organistica romantica e del ‘900.

Dal gennaio 2005 è titolare ai grandi organi dell’insigne Cattedrale milanese.

Risonanza mondiale ha avuto la sua collaborazione con Andrea Bocelli il giorno di Pasqua 2020 per la realizzazione del concerto “Music for Hope” in diretta streaming dal Duomo di Milano, ritenuto dalla testata americana Variety il “più importante evento culturale durante la pandemia di COVID 19”.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: