CronacaEvidenza

Quattro corsie Sassari-Alghero, serve un’azione a livello regionale

Campus: «Necessaria un’azione congiunta». La deputata Paola Deiana (M5s): «Entro settembre conferenza servizi per le due corsie per senso di marcia»

Sassari. Sul completamento della quattro corsie Sassari-Alghero tutta l’isola dovrà farsi carico della vertenza nei confronti dell’Amministrazione centrale dello Stato per il mantenimento di un impegno. «Sarà argomento del prossimo incontro della Rete metropolitana. È necessaria un’azione congiunta, che interessi però tutta la regione». È quanto ha spiegato martedì scorso il sindaco di Sassari Nanni Campus, rispondendo alla segnalazione presentata dal capogruppo del Pd Giuseppe Masala.

«Signor sindaco – ha detto Masala – non le saranno sfuggiti gli sviluppi della vicenda della 4 corsie Sassari-Alghero, che hanno decretato una piena bocciatura da parte della commissione di valutazione d’impatto ambientale sulla realizzazione della 4 corsie sul primo lotto che viene derubricata a due corsie compresa la bretella che conduce all’aeroporto e conseguente riduzione e compressione del budget assegnatoci dal Cipe da 125 a 113 milioni di euro. In barba alle rassicurazioni del ministro Toninelli rimane ancora un mistero la realizzazione di una arteria fondamentale per la nostra città, fondamentale per la città di Alghero, fondamentale per il territorio tutto del nord ovest e non solo. La mia segnalazione è finalizzata a chiederle, signor sindaco, se tavoli politici o istituzionali sono già stati attivati per affrontare il problema, se ha già avviato interlocuzioni con i suoi colleghi sindaci di rete, se vi sono in programma delle iniziative forti affinché ci restituiscano il maltolto ed affinché questa strada, questa arteria possa vedere la luce ed avviare definitivamente lo sviluppo socio economico del territorio. Se mobilitazione sarà noi ci saremo».

«Si tratta di una vicenda annosa che risale al momento in cui non fu avvertito il fatto che il Ppr calato sulla cartografia del nostro territorio andava comunque a incidere su quello che era un progetto che secondo noi era già acquisito mentre secondo gli uffici ministeriali non essendo stata ancora appaltata definitivamente l’opera quel progetto non doveva considerarsi come un progetto pre Ppr. È un confronto che dovremo portare avanti nell’interesse non solo del nostro territorio ma di tutta l’isola», ha precisato il primo cittadino sassarese.

E sulla questione è intervenuta ieri la deputata del M5s Paola Deiana, che sulla sua pagina di Facebook ha scritto: «Entro settembre verrà convocata la conferenza di servizi e istanza al Cipe per far approvare il progetto a due corsie per senso di marcia.  Si tratta di una procedura che consente di superare il parere negativo della Commissione per la Valutazione di impatto ambientale sul progetto – spiega la parlamentare del Movimento 5 stelle -. I tempi sono strettissimi perché si rischia anche quest’anno di perdere i fondi a disposizione. A dicembre scorso, infatti, era stato necessario introdurre un emendamento di proroga nel decreto fiscale, promosso dai parlamentari sardi del Movimento 5 stelle, senza il quale i finanziamenti relativi alla Strada Statale 291 sarebbero andati persi definitivamente.  La Direzione Generale per le Strade e le Autostrade a settembre proporrà un provvedimento normativo per il prolungamento di un ulteriore anno», comunica la deputata algherese che ci tiene a precisare: «Basta allarmismi inutili. Il tutto sta andando come comunicato dal ministro delle Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli: la quattro corsie si farà».

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: