EvidenzaPolitica

PSd’Az, Massimiliano Fabrotti segretario della sezione “Bartolomeo Sotgiu”

Eletti i nuovi organismi di vertice. «Gestire Sassari dev’essere uno sport di squadra». Confermata la fiducia in Mariolino Andria

Massimiliano Fabrotti (PSd’Az)

Sassari. Domenica scorsa la sezione sardista di Sassari “Bartolomeo Sotgiu”, come previsto dallo statuto, si è riunita in assemblea per il rinnovo degli incarichi direttivi. Sono stati eletti all’unanimità il segretario Massimiliano Fabrotti, il vicesegretario Giulia Dalu e la segretaria amministrativa Katy Bardinu.

Sassari – ha affermato il segretario Fabrotti – deve ricoprire il ruolo guida del territorio dell’area vasta, ritrovare la dignità di capoluogo, non fossilizzarsi al ruolo di seconda città della Sardegna. Deve svolgere un’intensa attività (con misure organizzative e procedurali per l’attuazione dei programmi operativi) di pianificazione, programmazione e progettazione di misure e interventi per usufruire di risorse finanziarie e per l’attuazione delle politiche di sviluppo e crescita economica. Noi sardisti – ha detto il segretario – di fronte alla crisi in cui versa la città, proponiamo idee percorribili e soluzioni sostenibili finalizzate a contrastare la cronica mancanza di lavoro, prima causa di malessere della comunità. La crisi che ha colpito tutti i settori, dal commercio ai servizi, risente di riflesso delle criticità patite da altri comparti, quello industriale di Porto Torres e quello turistico, penalizzato dal persistente dramma dei trasporti. A seguito della prima spallata dell’industria all’economia del nord ovest, che trovava sostentamento dal polo petrolchimico e consumata l’illusione del progetto “chimica verde”; non rimane che operare con buon senso per valorizzare in maniera innovativa risorse e ambiti peculiari di un’area trasfigurata dalla superbia e dalla negligenza della politica. Pensiamo all’agroalimentare, all’economia culturale e l’adeguamento dei servizi. Il Comune di Sassari porta nel suo grembo due grandi valori immateriali “ambiente e storia” che, uniti ad un investimento sullo straordinario patrimonio archeologico, potrebbero consentire lo sviluppo e l’ampliamento dell’offerta culturale turistica, in sintonia con la strategia messa in campo dalla Regione e con gli obiettivi indicati dal presidente Christian Solinas. Parallelamente sono indispensabili iniziative chiare e azioni forti, tese a valorizzare e tutelare l’artigianato artistico tradizionale. Recuperare e divulgare la ricchezza di saperi e del saper fare delle arti popolari, contribuisce a salvaguardare i valori di un’antica civiltà, indispensabile per non recidere i legami con la storia e la tradizione di questa nostra città. A tal proposito vorremmo si chiarisse definitivamente la “questione” del Padiglione Tavolara, oggetto di passaggi poco chiari fra comune e regione e mai dichiarati con precisione. Sassari dovrebbe anche attivare politiche di sostegno a favore di agricoltori e allevatori, per rivitalizzare la Nurra che tanto ci sta a cuore, invitando le aziende a diversificare i prodotti per innalzare la qualità di vini, oli, formaggi e lavorazioni alimentari artigianali, anche con il contributo fattivo dei ricercatori locali. I servizi, che costituivano la voce più importante per l’economia sassarese (insieme a scuola, università, sanità), erano, una volta, fiore all’occhiello della città ed ora marcano un netto declino. Perciò, bisogna puntare su Ricerca e Innovazione. I sardisti della sezione “Bartolomeo Sotgiu”, consapevoli delle difficoltà e degli ostacoli, suggeriscono all’amministrazione comunale di agire con tanta umiltà e di saper chiedere aiuto a tutti. Da soli non si può fare tutto, anche il più bravo, senza l’aiuto e la collaborazione degli altri, non arriverà da nessuna parte. Gestire Sassari dev’essere uno sport di squadra, nessuno è indispensabile, tutti sono fondamentali, soprattutto, se capaci di unire competenza, passione civile e trasporto verso il prossimo. Così funziona la buona politica. La sezione “Bartolomeo Sotgiu” delega il candidato sindaco Mariolino Andria (sostenuto in campagna elettorale) ad agire con fermezza e generosità al fianco dell’amministrazione, richiamando le istanze sardiste che arrivano dal cuore pulsante di un popolo vivo e vitale, con lo sguardo sempre rivolto al bene comune. Fortza Paris!!

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: