EvidenzaHinterland

Progetto europeo di scambio, a Osilo delegazione bulgara

Il Plus Anglona-Coros-Figulinas come esempio per le buone prassi legate alle politiche sociali


Osilo. Un progetto, “Integrated Social Office”, finanziato dal Fondo Sociale Europeo ai Comuni bulgari di Dalgopol e di Dolni Chiflik: è quello che in settimana ha portato in paese per un meeting internazionale una delegazione proveniente dal Distretto di Varna.

L’incontro ha avuto per oggetto lo scambio delle buone prassi legate alle politiche sociali e si è tenuto alla presenza di diversi sindaci dell’Ambito Plus Anglona-Coros-Figulinas, il quale ha come capofila il Comune di Osilo e ha raggiunto negli ultimi anni risultati importanti, che riguardano le problematiche più varie e abbracciano tutte le fasce di età.

«La programmazione e il monitoraggio su base territoriale oggi sono fondamentali, ma per accrescere costantemente la quantità e la qualità dei servizi forniti occorre creare reti anche a livello transnazionale, confrontando idee, pratiche e metodi, ed è indispensabile accedere ai finanziamenti europei. Il nostro impegno, pertanto, mira tra l’altro ad aprire canali rilevanti in tale direzione», afferma il sindaco di Osilo Giovanni Ligios.

Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla persona Anglona-Coros-Figulinas, coordinato da Mirko Marongiu, è una realtà solida con una mission precisa e la visita della delegazione bulgara, per la quale il consorzio dei Comuni di Dalgopol e di Dolni Chiflik si è avvalso del supporto del project manager Giuseppe Salis, ha permesso di analizzarne attentamente la linea di azione con l’obiettivo di perseguire ulteriori miglioramenti per garantire standard di vita elevati anche a chi è più vulnerabile.

Le attività di questi giorni, per cui ha collaborato Barbara Calabrese dell’Ufficio di Piano, hanno visto inoltre il coinvolgimento dei comuni di Castelsardo, di Valledoria e di Nuoro e del Plus Nuoro e hanno riguardato alcune strutture specializzate che rappresentano un esempio per l’assistenza e per l’inclusione.

«La delegazione proveniente dalla Bulgaria ha mostrato grande interesse in merito al nostro modo di operare in ambito socio-sanitario, ai processi di gestione associata dei servizi alla persona e al rapporto tra le istituzioni pubbliche e il sistema delle imprese locali e ciò significa che i momenti di scambio stimolano la nascita di nuove sinergie per conseguire risultati innovativi», spiega il sindaco Ligios.

Il Comune di Osilo e il Plus Anglona-Coros-Figulinas guardano al futuro e guardano all’Europa.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: