EvidenzaPolitica

Piu: «Prorogare le vecchie tariffe sarebbe uno spiraglio importante per la Ge.Na»

Il consigliere regionale dei Progressisti, componente della Commissione Sanità, al lavoro sulla revisione

Antonio Piu

Sassari. «La Ge.Na. deve poter guardare al futuro con serenità per il bene dei pazienti e per i lavoratori – auspica Antonio Piu, consigliere regionale dei Progressisti e componente della commissione sanità –. Per questo stiamo lavorando affinchè vengano riviste le tariffe entrate in vigore con la delibera regionale del febbraio 2020 e diventate esecuitve con la fine dell’emergenza sanitaria lo scorso 31 marzo».

La delibera rimodula le tariffe giornaliere per paziente secondo una riparametrazione dei criteri sulla base dei Lea e di altri dati relativi a produzione e gestione. È un primo importante intervento della Regione per cercare di rimettere ordine e determinare su criteri oggettivi le tariffe in base alle prestazioni. Secondo questi nuovi parametri la Ge.Na (Opera Gesù Nazareno) di Sassari, e le strutture che offrono analoga assistenza, si ritrovano tariffe giornaliere più basse anche del 20 per cento.

«Crediamo sia opportuno rivalutarle e nel frattempo deliberare una proroga delle vecchie tariffe. Questo consentirebbe di ridare ossigeno e certezze ai lavoratori e all’assistenza di pazienti con patologie gravi. Abbiamo ragione di credere – sottolinea Piu – che si stia lavorando nell’ottica di una proroga in tempi brevi. Siamo fiduciosi e nel contempo auspichiamo che arrivi a giorni la delibera di Giunta».

«Si tratta del secondo importante tassello dopo l’approvazione in aula a febbraio l’emendamento che stanzia i fondi per la copertura del 50% degli oneri a quelle strutture sanitarie non ospedaliere, Ge.Na. compresa, che hanno applicato l’adeguamento contrattuale. Questi due interventi – conclude il consigliere sassarese – possono aiutare ad evitare gravi effetti sull’occupazione e i conseguenti disagi per i pazienti e le loro famiglie che fanno riferimento all’unica struttura accreditata in Sardegna che offre quel tipo di assistenza a pazienti con gravi disabilità».

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: