CulturaEvidenza

Pensieri e Parole: libri e film all’Asinara

Dal 10 al 14 luglio ritorna uno degli eventi più attesi dell’estate sarda. Il festival è la prima tappa delle “Isole del cinema”

Asinara. Al via la quattordicesima edizione di “Pensieri e Parole: libri e film all’Asinara” prima tappa delle “Isole del cinema” (https://www.leisoledelcinema.com) il circuito che si snoda fra Tavolara, Maddalena, San Pietro e che costituisce uno degli appuntamenti più attesi dell’estate culturale e turistica sarda. Quattro isole, sede di parchi e riserve marine, per pensare il mare come possibilità di incontro, laboratorio vivo dove riflettere sul cinema di ieri e oggi, e costruire quel che sarà il cinema di domani.

L’impegno civile, l’integrazione, le memorie del carcere, l’equilibrio fra tutela della natura e attività umane: sono invece alcuni dei temi dell’edizione 2019 del festival dell’Asinara curato da Sante Maurizi per Cinearena con il sostegno di: Parco Nazionale dell’Asinara, Comune di Porto Torres, Ministero per le Attività Culturali, Assessorati al Turismo e allo Spettacolo della Regione Sardegna e Fondazione di Sardegna. Partner del progetto: Moderno Cityplex, Libera Sardegna, Asso.O.Asinara, Librerie Koinè. «Quest’anno il festival anticipa di circa un mese la sua programmazione – dice Maurizi – offrendo dal 10 al 14 luglio un cartellone incentrato sui alcuni temi cardine che da sempre accompagnano la manifestazione con presentazioni di libri, anteprime cinematografiche e musicali e ospiti del panorama nazionale».

 

Cala d’Oliva 10-11 luglio dalle ore 21,30

Nuova sezione documentari: “Sott’acqua: conoscere per tutelare”

Si salpa mercoledì 10 luglio per Cala d’Oliva dove, sul palco allestito nella diramazione centrale, sarà presentata una delle novità di quest’anno: la sezione documentari dal titolo “Sott’acqua: conoscere per tutelare” a cura del biologo marino e guida di pesca Francesco Curreli.

In cartellone i documentari della serie “Blue planet” della BBC “raccontati” dalla voce del famoso naturalista David Attenborough. I documentari sono un’esperienza immersiva, realizzati con camere in ultra HD e droni che effettuano riprese spettacolari.

L’11 luglio – sempre nella diramazione centrale – un confronto fra le antiche tradizioni e le future attività nel campo della pesca. Due i documentari proposti “Il sogno di una guida di pesca” da un’idea di Francesco Curreli e regia di Daniele Macis e “Diario di Tonnara” di Giovanni Zoppeddu.

“Il sogno di una guida di pesca”. «In questo documentario che racconta la mia storia – dice Francesco Curreli – cerco di spiegare il percorso che mi ha portato a scegliere di dedicare la mia vita alla ricerca nel campo della pesca ricreativa e come sia riuscito a conciliare l’amore per l’ambiente e per la Sardegna con la passione per la pesca. Il documentario si pone l’obbiettivo di mostrare come la pesca ricreativa possa essere una fonte di turismo destagionalizzato ma allo stesso tempo un’attività completamente ecosostenibile».

“Diario di Tonnara”. Il documentario prende ispirazione dall’omonimo libro Diario di Tonnara dello scrittore Ninni Ravazza. La storia racconta i borghi, le comunità e le avventure che hanno scandito la vita quotidiana dei pescatori del tonno. Una comunità che si sviluppa sul mare e che dal mare mutua le leggende, i riti magici e la sacralità. Diario di Tonnara è un documento che dipinge a tinte oniriche ma fortemente realistiche un mondo destinato ad essere relegato nel cantuccio della tradizione. Un universo fatto di racconti, di storie tramandate di generazione in generazione e di una ritualità che oggi fatica ad essere ricordata. Rais e tonnaroti, offrono, in Diario di Tonnara, lo spunto per descrivere la Sicilia del mare, quella ancorata alla tradizione, fatta di valori primordiali e nobili dei quali, ancora, si sente l’eco in tutta l’Isola ed oltre.

In queste due giornate ci sarà la possibilità di argomentare e discutere sulle impressioni che vengono generate dalla visione dei documentari con Francesco Curreli, un ricercatore e una guida di pesca, esperto dell’ambiente marino.

 

Porto Torres 12 luglio – Libreria Koinè – ore 19, Sala Filippo Canu – ore 21

La tappa a Porto Torres propone venerdì 12 luglio alla libreria Koinè la presentazione del volume “L’infelicità italiana” di e con Maurizio Braucci, presentato da don Gaetano Galia.

A seguire intorno alle 21 nella Sala Filippo Canu sarà proiettato “Il polo opposto” di Giorgio Amato. In chiusura alle ore 22 in anteprima il teaser del nuovo film di Pino e gli Anticorpi “Come se non ci fosse un domani”.

 

Cala Reale 13-14 luglio dalle ore 19

“Certe notti: libri e film”

Si entra nel vivo della rassegna con la sezione “Certe notti: libri e film” che sabato 13 a Cala Reale apre la serata alle 19 con la presentazione del libro “Il presidente addormentato” di Gianni Caria a coordinare l’incontro sarà Ignazio Caruso. A seguire intorno alle 21 uno dei momenti più attesi del festival: la seconda edizione del premio “Isole del Cinema” per la migliore sceneggiatura tratta da un romanzo. Quest’anno il premio è assegnato a Claudio Giovannesi, Maurizio Braucci e Roberto Saviano per il film “La paranza dei bambini” tratto dall’omonimo libro di Saviano. Il film ha vinto l’Orso d’argento per la miglior sceneggiatura alla 69esima edizione del Festival di Berlino. Sarà proprio il film a chiudere la serata alle 21,30. Domenica 14 in apertura di serata alle 19 sarà presentato da Elias Vacca il libro «Il padrino dell’antimafia» di e con Attilio Bolzoni. Spazio alla musica alle 20.15 con «Storie liberate» concerto di Piero Marras presentato da Vittorio Gazale. Chiuderà il festival alle 21.30 «Il flauto magico di Piazza Vittorio» di Gianfranco Cabiddu e Mario Tronco. Nel film le diverse culture che popolano Piazza Vittorio a Roma reinterpretano il capolavoro mozartiano in modo assolutamente originale, saltando di genere in genere, rielaborandone i significati e creando una nuova opera moderna.

 

“Che libro porteresti su un’isola deserta?”

Prosegue anche in questa edizione il gioco della biblioteca ideale: il festival invita gli ospiti e il pubblico che seguirà i vari appuntamenti a portare con sé un libro da donare alla costituenda “Biblioteca dell’Asinara”, sul quale scrivere in breve le ragioni della propria scelta. Come se fosse una dedica, con lo spirito di rispondere alla domanda “Che libro porteresti su un’isola deserta?”.

TRASPORTI. Per i giorni precedenti il fine settimana 13-14 luglio non siamo in grado di aggiungere nessuna modalità a quelle indicate nella pagina Come visitare il Parco. Per la prima volta sarà invece possibile, sabato 13 e domenica 14, raggiungere l’isola con la motonave Sara D. che effettua le normali corse di linea fra Porto Torres e Cala Reale: grazie a un accordo con la Delcomar sarà effettuata una corsa di ritorno notturna con partenza dall’Asinara alle 23.30. Per l’andata il traghetto partirà dal molo Segni alle 16.30 (è consigliabile presentarsi almeno mezz’ora prima).

INFO: 327.9877880

www.festivalasinara.it

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: