EvidenzaPolitica

Pci Federazione di Sassari, Patrizia Marongiu confermata segretaria provinciale

Lo ha deciso all’unanimità il nuovo comitato federale eletto in conclusione del congresso svoltosi nei giorni scorsi

Sassari. Patrizia Marongiu è stata riconfermata segretaria provinciale del Partito comunista italiano. Lo ha deciso all’unanimità il nuovo comitato federale eletto in conclusione del congresso, assai partecipato, svoltosi nei giorni scorsi a Sassari che ha anche approvato la relazione di Leonardo Meazza, le conclusioni di Alex Hobel della segreteria nazionale, il documento nazionale alla base dei lavori congressuali (le assise nazionali si svolgeranno a gennaio a Livorno). Al congresso, aperto dalla proiezione del film “Cent’anni dopo”, hanno portato i saluti esponenti dei Rossomori e di Sinistra Italiana. Nel documento finale approvato dagli iscritti si legge che è “necessario proseguire nell’impegno per la costruzione del Partito Comunista Italiano in tutti i territori e nei luoghi di lavoro e di studio, ispirandosi alla storia e alla tradizione del comunismo italiano – alla base della democrazia italiana e della Repubblica – adeguando linee e strumenti ai tempi nuovi. Proprio le mutate condizioni rendono attuale e stringente il rilancio della presenza organizzata comunista e l’impegno di massa per la costruzione di una radicale alternativa al governo Draghi e agli equilibri nazionali basati sul potere del grande capitale e della finanza speculativa”. Per i comunisti sassaresi un forte Pci serve per “rilanciare la battaglia per la giustizia e l’eguaglianza sociale; l’eliminazione delle forme di lavoro precario; l’abolizione definitiva del jobs act; riavviare finalmente nuove politiche espansive per salari e stipendi più dignitosi”. Punti centrali sono anche l’uscita dalla Nato, l’eguaglianza assoluta di genere, la difesa dell’ambiente, della scuola e della sanità pubblici. Infine il Pci “esprime ferma e decisa opposizione alla giunta regionale di destra sardo-leghista, continuatrice di politiche di devastazione della sanità pubblica, di minacce all’ambiente e impegnata a svilire la già debole autonomia regionale che invece va rilanciata e aggiornata. Per questo auspica la ripresa politica e organizzativa di Sinistra Sarda, base per un’alleanza e un’intesa programmatica più ampia delle forze della sinistra autonomistica per lanciare la sfida di una reale alternativa di governo alla destra e al centro-sinistra”. I comunisti sassaresi hanno in città una sezione (in via Mancaleoni 3) intitolata a Luigi Polano ed Enrico Berlinguer.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: