Cultura

“Ospitone”, la Sardegna ai tempi dei bizantini secondo Vindice Lecis

È il secondo titolo del filone letterario dedicato al capo barbaricino dal giornalista e scrittore sassarese. I suoi romanzi storici tra i libri più venduti di un autore sardo con un editore isolano

Sassari. È in libreria in questi giorni “Ospitone. Dux Barbariae”, secondo titolo dedicato al capo barbaricino protagonista dei romanzi storici di Vindice Lecis, giornalista e scrittore sassarese. “Ospitone”, come il precedente “Hospiton” e la trilogia dedicata al periodo giudicale, libri ai quali va aggiunto “Rapidum”, ambientato invece in epoca romana, e la nuova edizione di “Le pietre di Nur”, è pubblicato dall’editore “Condaghes”. Titoli di successo, che complessivamente hanno venduto 12.200 copie (“Buiakesos”, il primo della trilogia giudicale aveva toccato da solo le 3 mila copie), di cui 10 mila nelle librerie sarde, e che rappresentano il migliore dato “di un autore sardo con un editore sardo e in Sardegna”. Facendo le proporzioni con l’ambito nazionale e considerando che l’isola “pesa” l’1,5 per cento sul totale dei fatturati delle case editrici nazionali, i romanzi storici di Vindice Lecis è come se avessero toccato le 80 mila copie vendute in tutta Italia.

Ma chi era Ospitone e come era la vita in Sardegna, in particolare nelle Barbagie, non solo quella di Ollolai, nel VI secolo? Quali erano i rapporti con l’Impero Romano Bizantino? L’intervista a Vindice Lecis è stata registrata fra gli scaffali della Libreria Koinè di Sassari.

Luca Foddai

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: