EvidenzaLettere

Nautic Event 315°, ad Alghero la prima edizione

Dal 1 al 4 maggio la grande manifestazione internazionale dedicata alle imprese del settore nautico. Previsto anche un Premio internazionale

Alghero. È stata presentata la prima edizione del Nautic Event 315°, una manifestazione organizzata dalla Camera di Commercio di Sassari, dall’Assonautica Provinciale, suo braccio operativo nonché capofila dell’evento, dal Comune di Alghero, dalla Fondazione Alghero e dal Consorzio del Porto di Alghero, in collaborazione di un nutrito partenariato composto non solo dai comuni costieri ma anche dalle aree marine protette e dai rispettivi Parchi, Porto Conte e Asinara. Il Nautic Event (315° fa riferimento ai gradi del territorio del nord ovest della Sardegna) si pone l’obiettivo di rivitalizzare le imprese del settore nautico, integrando la zona costiera con l’entroterra dell’isola, attraverso la formula del legame tra il mare, l’agroalimentare e l’artigianato di qualità. Promuovere così la filiera nautica e animare in chiave turistica la città catalana, favorendo la più ampia partecipazione di operatori, diportisti, turisti e cittadini. In calendario convegni, seminari, mostre, esposizioni e, nell’ultima giornata, il Premio Mediterraneo Patrimonio dell’Umanità, strutturato in due sezioni, cultura e blu economy.

«Ci abbiamo creduto e l’abbiamo fortemente voluta, la prima edizione del Nautic Event – ha detto il presidente di Assonautica provinciale, Italo Senes – che siamo certi saprà coniugare al meglio mare e interno, filiera nautica e filiera agroalimentare delle produzioni di eccellenza. In un evento che avrà un respiro internazionale con il premio Mediterraneo patrimonio dell’umanità».

Sulla stessa lunghezza d’onda il sindaco di Alghero Mario Bruno: «Mare, artigianato, cultura. Alghero rilancia il suo ruolo centrale nel promuovere il territorio rafforzando in ogni aspetto la destinazione turistica. Un evento di caratura internazionale che non è solo mercato, ma rivolge lo sguardo all’ambiente, all’enogastronomia, parlando ai giovani di sostenibilità ambientale e di cultura del mare. Un sistema unito si presenta per la prima volta a rilanciare un settore che abbraccia tanti aspetti dell’economia, soprattutto i servizi. Il tutto all’interno di una programmazione che mira a costruire una destinazione turistica forte e competitiva. Il Nautic Event mette insieme operatori del settore, diportisti, scuole, imprese, realtà turistiche del mediterraneo in un progetto di partenariato destinato a produrre effetti positivi sull’economia dell’intero Nord Ovest». Per una collaborazione di grande importanza: «Il Nautic Event sarà un evento capace di raccontare il territorio – ha tenuto a sottolineare il presidente della camera di Commercio, Gavino Sini – tracciandolo trasversalmente. Ed è questa la sua forza, quella di un sistema che fa collabora e crea eventi di questa levatura. Per il sistema delle imprese, per chi fa impresa in questo territorio è un segnale importante anche in termini di collaborazione con altre realtà».

Il presidente della Fondazione Alghero, Massimo Cadeddu e il presidente del consorzio del Porto di Alghero Giancarlo Piras, presenti alla conferenza stampa di presentazione, hanno ribadito il significato di eventi di questo genere per il territorio. È intervenuto per l’Amministrazione comunale Raniero Selva, assessore all’Ambiente: «Si tratta di una occasione importante per il territorio del Nord Ovest per rilanciare un settore che ha forti margini di crescita, grandi prospettive di sviluppo favorite da un porto che ha grandi potenzialità».

 

Il programma

Il 1 maggio alle 10 alla presenza di un testimonial facente parte del mondo della nautica, ci sarà l’inaugurazione della 1ª Edizione del Nautic Event 315° al quale seguirà l’apertura degli stand ed una veleggiata con barche di vela latina. Nei giorni successivi sono previste attività sportive nello specchio acqueo antistante banchina Sanità e Dogana, riservata alle scuole veliche con imbarcazioni tipo Optimist per bambini ed Hansa per disabili nonché attività dimostrative di pulizia delle acque portuali con attrezzature innovative in dotazione al Consorzio del Porto di Alghero.

Si prevede, un ricco calendario di appuntamenti: spazi espositivi permanenti riservato alle barche di vela latina, ad altre imbarcazioni (area Arti e mestieri), alle produzioni agroalimentari d’eccellenza, alle creazioni artigianali e alle innovazioni specifiche per il settore nautico (Stand); incontri di didattica e sensibilizzazione per le scuole, incontri formativi con i “Maestri d’ascia” volti ad illustrare agli studenti le tecniche utilizzate per la costruzione e la lavorazione delle barche; “Show Cooking” con gli Istituti scolastici, dedicati al consumo del pescato locale, stagionale e su specie poco sfruttate commercialmente; seminari tematici su argomenti di rilievo per il settore quali “arti e mestieri”, “sostenibilità ambientale”, “innovazione”, “green e blue economy”; “Esperienze a vela”: gli studenti degli Istituti nautici del Nord Sardegna avranno la possibilità di apprendere l’arte del navigare a vela e potranno essere coinvolti nella gestione e nella conduzione delle imbarcazioni.

All’interno dell’ex mercato della frutta e nell’ adiacente in piazza Pino Piras ci saranno le aziende dell’agroalimentare che selezionate per il progetto “Cambusa” potranno promuovere i loro prodotti di eccellenza ed effettuare degustazioni. Spazio alla musica il 3 maggio con il concerto dei Bertas con la Corale Vivaldi. L’ultimo giorno sarà dedicato completamente al Premio “Mediterraneo Patrimonio dell’Umanità”, momento prestigioso che conferirà caratura internazionale all’intera manifestazione per la partecipazione di importanti personalità di altissimo prestigio. Tale premio si prefigge l’obiettivo di ricercare, promuovere e premiare i migliori progetti rivolti alla tutela e alla valorizzazione del grandissimo e straordinario patrimonio storico, archeologico, paesaggistico, ambientale, artistico e culturale del Mediterraneo e dei paesi che vi si affacciano, in collaborazione con l’impresa sociale Habitat World, proponente il Premio. Un prestigioso comitato scientifico valuterà i progetti più meritevoli da proporre alla qualificante giuria composta da varie personalità. «Abbiamo ricevuto 16 candidature per la prima sezione e 10 per la seconda», ha spiegato Senes. Madrina del Premio sarà la poetessa brasiliana Marcia Theophilo già candidata al premio Nobel, testimonial Unesco 2020.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: