EvidenzaSassari

Metrotranvia a Sassari, vertice con la Regione

Ieri incontro con il sindaco Campus e i responsabili dell’Arst. Dialogo con l’assessore dei Trasporti Todde

Sassari. È stato un vertice a tre soprattutto informativo. L’assessore regionale dei Trasporti Giorgio Todde era ieri a Sassari per la presentazione dei 41 nuovi autobus dell’Arst nel deposito di viale Porto Torres. Quale occasione migliore anche per fare il punto sui problemi che toccano il territorio e in particolare sulla spinosa questione della metrotranvia a Sassari? E infatti subito dopo la cerimonia l’assessore Todde ha incontrato il sindaco Nanni Campus, alla presenza dell’amministratore unico dell’Arst Chicco Porcu. Un incontro interlocutorio, con l’obiettivo di informare l’assessore sullo stato delle cose, ma anche – era questo l’intendimento del sindaco Campus – mettere i puntini sulle “i” per quanto riguarda i margini di manovra dell’Amministrazione comunale. A breve se ne saprà di più, in particolare su quanto intende fare Palazzo Ducale. Non è un mistero che Campus punta a trasferire il progettato Centro Intermodale dall’area di via XXV aprile, dove da anni si è bloccato l’iter per la realizzazione della grande struttura a causa dei gravi problemi legati alle bonifiche del sottosuolo che non riescono a partire, nell’ampio spiazzo a fianco alla stazione ferroviaria verso via San Paolo. Il sì di massima da parte di Rfi ci sarebbe.

Ma soprattutto si cerca una soluzione condivisa per modificare, per quanto possibile, il tracciato del secondo lotto e terzo lotto della metropolitana di superficie, in particolare il collegamento con Sant’Orsola e poi con Li Punti, con il ponte che bypassa la ex 131. La variante (al Puc) approvata dal Consiglio comunale su input della Giunta Sanna non è mai piaciuta infatti all’Arst tanto che in quell’occasione la variante fu esplicitamente definitiva “integrativa” e non “sostitutiva” del percorso originario sul quale l’Arst aveva impostato l’intera progettazione.

«Sulla metrotranvia questa Amministrazione e il Consiglio comunale hanno anche potere decisionale», aveva spiegato il sindaco Nanni Campus nel corso dell’ultima seduta dell’Assemblea Civica, rispondendo a una segnalazione del consigliere Mariano Brianda. Non è comunque un mistero che il sindaco Campus punti a evitare che la metro percorra l’asse stradale dell’ex 131, intersecando il flusso viario. Sarebbe l’ennesima situazione di appesantimento del già congestionato traffico automobilistico in un punto particolarmente delicato. Una soluzione insomma da scartare.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: