EvidenzaPolitica

Maurilio Murru: «Palazzo Ducale si apre ai cittadini»

Il presidente del Consiglio comunale fa un bilancio dell’attività svolta nei primi 5 mesi di mandato

MaurilioMurru
Il presidente Maurilio Murru

Sassari. «Sono soddisfatto del lavoro svolto in questa parte iniziale del mandato. Prima di tutto ringrazio l’intera struttura che mi ha supportato in questa fase molto delicata e di profondo rinnovamento. Ringrazio poi i capigruppo e i consiglieri comunali tutti». Maurilio Murru è il presidente del Consiglio comunale di Sassari dallo scorso luglio. Rieletto nell’Assemblea Civica, a giugno era stato candidato sindaco per il M5s. Anche per lui la fine del 2019 è stato il momento di un primo bilancio dell’attività svolta finora. «Ricordo che il nuovo Consiglio Comunale è un organismo ampiamente rinnovato rispetto al recente passato. Oltre il 60 per cento dei suoi consiglieri è al primo mandato, mentre circa il 70 per cento non era presente nel mandato consiliare uscente. Nonostante tutto l’attività è stata avviata rapidamente e in maniera sostenuta fin dal principio», spiega Murru, che lunedì scorso è intervenuto alla conferenza stampa di fine anno del sindaco Campus e della Giunta comunale.

Il lavori dell’Assemblea procedono in modo più serrato rispetto al passato. Per esempio, l’orario di inizio: viene rispettato con precisione svizzera e non si segue più la prassi del passato che seguiva la consuetudine della mezz’ora rispetto al tempo indicato nella convocazione. Il primo Consiglio Comunale è stato inoltre convocato il 18 luglio, a distanza di 18 giorni dalla data del ballottaggio, mentre le commissioni consiliari sono state attivate per la nomina dei presidenti esattamente 11 giorni dopo il primo consiglio comunale. «Sono tempi celeri e molto più rapidi rispetto al passato».

«L’attività e l’indirizzo del presidente del Consiglio e quindi del Consiglio comunale, si è sviluppata e lo sarà anche per il futuro su due direttrici principali», riprende Maurilio Murru. Si punta ad “aprire” Palazzo Ducale ai cittadini. In questa direzione va letta l’attivazione di due uffici situati nel piano rialzato, adiacenti alla sala commissioni, a disposizione dei consiglieri comunali, per il ricevimento dei cittadini. «È un aspetto sul quale nei prossimi mesi metteremo in atto nuove iniziative proprio per implementare ulteriormente questa attività». Seconda direttrice, restituire dignità e importanza alla figura del consigliere comunale. «Il consigliere comunale deve riacquistare valore e importanza per il lavoro che svolge e per il contatto costante con i cittadini. Il Consiglio Comunale aperto sul tema della metrotranvia è stato un segnale della centralità che si vuole restituire al consiglio comunale stesso e al sul ruolo di indirizzo e di controllo politico amministrativo. Su questo aspetto l’Anci nazionale, ed espressamente il direttivo dei presidenti del consiglio, sta portando avanti un dialogo e una interlocuzione che va proprio in questa direzione», dice il presidente Murru. «Sono particolarmente orgoglioso dell’attività messa in campo il “25 novembre” nella Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, non solo per l’evento “Non solo in un giorno” tenuto a Palazzo di Città, molto partecipato, ma soprattutto per il percorso che l’intero Consiglio comunale ha deciso di intraprendere e che si svilupperà nei prossimi mesi. L’idea di fondo che accompagnerà la nostra attività sarà sempre quello di costruire percorsi, dimostrando grande sensibilità e attenzione ai temi con particolare riguardo al coinvolgimento delle scuole. Non dimentichiamo la giornata della donazione Avis e l’importante contributo di sensibilizzazione sviluppato dall’Amministrazione. Ma non possiamo non ricordare la richiesta inviata alla senatrice Segre per la cittadinanza onoraria e l’ordine del giorno per commemorare i 30 anni dalla caduta del Muro di Berlino. Mi piace anche sottolineare la collaborazione tra il Consiglio comunale e la Municipalità della Nurra, seppure per ora attraverso piccole iniziative portate avanti in maniera comune, come le panchine rosse in tutte le borgate il 25 novembre, ma anche il coinvolgimento delle consigliere in un prossimo incontro che verrà fatto nel braccio femminile del carcere di Bancali, e tante altre iniziative in costruzione».

Ed ecco alcuni numeri. Sono state 17 le sedute finora convocate dalla data di insediamento (inclusa), mentre sono 44 le delibere adottate. Le iniziative consiliari evase nel corso del mandato sono state: 22 interpellanze, 7 interrogazioni, 4 ordini del giorno e 13 mozioni.

«A tutti i consiglieri rivolgo un augurio di buon lavoro, affinché possano svolgere serenamente il proprio compito, con senso di responsabilità e di rispetto per le istituzioni seppure nell’espressione delle diverse posizioni politiche. La città di Sassari ha bisogno di un Consiglio Comunale forte, presente e all’altezza delle sfide che il territorio dovrà sostenere per il suo rilancio. Colgo l’occasione per augurare a tutti i cittadini sassaresi un felice 2020 ricco di soddisfazioni», conclude il presidente Maurilio Murru.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: