Articoli & interventiEvidenza

Lu Sassaresu/7

Lu veibu futuru sassaresu, sardhu è!

di Fabritziu Dettori

Una parthicurariddai di lu sassaresu ki s’è immintigghendi e  ki no è pigliadda in cunsidarazioni da li ki di la linghisthigga n’ani fattu una faculthai, è lu veibu a vinì.  Lu futuru sempritzi e anteriori di la linga sassaresa so una di kissi rasgioni ki mirisciani d’assé tenti contu akì, a dorumannu, li linghisthi, mi pari guasi tutti, li registhrani soru i la foimma “non sarda”.  Abisumeu l’anarisi d’eddi è isthadda kena indagini in vibu cu’ li sassaresi ki lu fabeddani, akì sinnò li foimmi anaritigghi di kissu veibu n’erani isciddi a pizu e l’abaristhiani intesi e cunnisciddi. E mancarri no abaristhiani mancu ischrittu inciafugli, tipu “occiu” pa occi, “ginocciu” pa ginocci , etc. Kisthi parauri, infatti, ki siani a lu singurari o a lu prurari no ciambani mai. Turrendi a la rasgioni, lu prufissori Francesco Doro, i La lingua Sassarese – Grammatica del parlare di Sassari, Sorso, Porto Torres, Stintino, Gallizzi editori, poni tre foimmi di lu futuru semprizi,  e tandu althre tre pa kissu anteriori. Un manuari impurthanti ki, francu ki i l’obari di Laura Linzmeier, no è prisenti mancu i la bibriografia di li libri di kissi cattedratigghi.  Insomma, puru pa kisthu veibu semmu a lu ki abiami visthu pa l’aggettibi pussessibi in “Lu Sassaresu/5” https://www.sardegnadies.it/lu-sassaresu-5/

Si l’ischumbattemmu cu’ lu sardhu è fatziri di vidé ki l’isthruttura di lu futuru sassaresu manteni la cumposizioni di Apo(Apu)a... In sassaresu, infatti, olthri a kissu sintetiggu lu ki si dizi è Abaraggiu a…, e Aggiu a… Un funtummu lesthru di kisthu lu fazi puru Gian Paolo Bazzoni.

Li sassaresi, ancora da lu libru di Doro, ani rimuniddu lu cunditziunari anaritiggu, cumeni in sardhu, fintza a calche annu adabà i li passoni antziani: Disthia abé­Dia abé, etc. ; Disthia asséDia assé, etc. .  Si è veru ki abà s’intendi soru kissu sintetiggu, Abaristhia e Saristhia, è parò althrettantu veru ki lu fururu anaritiggu è ancora vibu i li dui modi ki so prisintaddi i l’ischeda umpari a lu sintetiggu. Si arthicureggia  cu’ l’indicatibu prisenti più la pripusizioni sempritzi – a – e sighi cu’ lu veibu a l’infiniddu ki vurimmu imprià. Lu futuru anteriori si fazi aggiugnendi lu parthicipiu passaddu di li veibi da lià: auddu; isthaddu.

Femmu calche esenpiu:

  1. Abaraggiu a assé = sarò. Abaraggiu a assé isthaddu = sarò stato.
  2. Abaraggiu a abé = avrò. Abaraggiu a abé auddu = avrò avuto.
  3. Aggiu a assé = sarò. Aggiu a assé isthaddu = sarò stato.
  4. Aggiu a abé = avrò. Aggiu a abé auddu = avrò avuto.
  5. Aggiu a immuzà a li setti = farò colazione alle sette.
  6. Abaraggiu a immuzà a li setti = farò colazione alle sette.

In “Il dialetto di Sassari”, imprentaddu da l’A.G.A. i lu 1963 “Sotto gli auspici della Regione Autonoma della Sardegna”, Salvatore Diego Sassu ischribia ki “Nella formazione del futuro semplice trova largo impiego l’ausiliare abé (avere), specie nella prima persona: aggiu a amà (amerò); aggiu a vidé (vedrò); aggiu a parthì (partirò); abaraggiu a vidé, abaraggu a partì, ecc. ma sono anche forme corrette: amaraggiu, vedaraggiu, fozaraggiu (farò); tu  amaré (tu amerai); voi abareddi (voi avrete); Noi vuraremu (noi vorremo) ecc. ”.

Si punimmu afficcu tz’abizemmu ki Sassu dazia prioriddai a l’isthrutturi anaritigghi pa kissu  “largo impiego” ki ni faziani li sassaresi, e ki a l’althra, la sintetigga, si puru era “corretta”, no abia lu varori di l’althr’e dui.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: