CulturaEvidenza

Liquida, venerdì la prima giornata del nuovo festival di letteratura giornalistica

Presso la Basilica di Saccargia interverranno Sergio Rizzo, Celestino Tabasso, Riccardo Cucchi, Piero Trellini, Floriana Bulfon, Raffaele Manca e Francesco Deplano

Floriana Bulfon

Codrongianos. Domani è il gran giorno di “Liquida”. Sergio Rizzo, Associazione Stampa Sarda, Riccardo Cucchi, Piero Trellini Floriana Bulfon, Raffaele Manca e Francesco Deplano. Saranno loro i grandi protagonisti sulla scena della giornata inaugurale del primo festival di letteratura giornalistica, “Liquida”, intuizione in forma d’esigenza diventata realtà grazie alla convinta volontà del Comune di Codrongianos, a Lìberos, all’Agenzia Altrove di Luca Zoccheddu e al prezioso contributo concesso all’iniziativa dall’Assessorato regionale alla Cultura. Tante le voci chiamate, in questa prima giornata, ad indagare il giornalismo in maniera diversa e innovativa, a partire dall’idea di una produzione letteraria inquadrata in un contesto fatto ormai essenzialmente di notizie liquide. Alle 16,30 toccherà a Sergio Rizzo, già prestigiosa ed autorevole firma del Corriere della Sera con spiccata tendenza al fare inchiesta, presentare alla platea il suo “La memoria del Criceto” (Feltrinelli), viaggio fra ironia e disperazione da compiere fra le grandi amnesie d’Italia. In compagnia dell’autore il giornalista Celestino Tabasso, presidente Asso Stampa sarda. Alle ore 18 spazio e voce all’Associazione Stampa Sarda, che con grande entusiasmo ha accolto l’invito a partecipare ed ha promosso la partecipazione al festival, salire sul palco per un incontro dedicato al tema “Mi Ritorni in Mente”. Alle 19 si scende in campo pronti a raccontare il calcio affidato all’inconfondibile voce di Riccardo Cucchi e al piacevole narrare di Piero Trellini per l’incontro intitolato “Fuorigioco: il romanzo del calcio”, chiacchiere e riflessioni su Italia-Brasile, Tutto il Calcio Minuto per Minuto, sport e pallone con Aldo Addis a fare da regista e servire ad hoc il due fuoriclasse del pallone. Alle ore 20 appuntamento ad alta intensità: sarà la giornalista Mariella Careddu a raccontare assieme a Floriana Bulfon, giornalista sotto scorta, una straordinaria e complessa storia di giornalismo di inchiesta, coraggio, paura e decadenza fra i Casamonica e le “Infiltrazioni Pericolose”. Alle 21 la proiezione del documentario di inchiesta giornalistica “Il Grano e La Volpe” di Raffaele Manco e Vincenzo Guerrizio, introduzione di Raffaele Manca e Francesco Deplano: una sera di marzo del 1994, un elicottero della Guardia di Finanza in volo e poi scomparso, un mistero in cerca di soluzione, e verità.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: