EvidenzaPolitica

Linee programmatiche, il centrosinistra boccia Campus

Durante il dibattito gli schieramenti sono apparsi chiari. Brianda: «Sono trattini programmatici privi di spessore»

CentrosinistraComune8agostoSassari. E durante il dibattito di giovedì pomeriggio dedicato alle linee programmatiche del sindaco Nanni Campus, illustrate nel corso della mattina dallo stesso primo cittadino, la contrapposizione con il centrosinistra è apparsa chiara. A dare fuoco alle polveri è stato Mariano Brianda, candidato sindaco del centrosinistra, sconfitto al ballottaggio del 30 giugno. «Nelle linee programmatiche che ci ha illustrato non c’è quella concretezza che le avevo chiesto di esporre in campagna elettorale. Più che linee insomma lei ci ha proposto dei trattini programmatici privi di spessore. Mancano i principi ispiratori, mancano perfino i sogni. È un testo meno incisivo di un regolamento condominiale. A me sembra che cerchi di accontentare e fare salire tutti sul suo carro, trasformando i suoi oppositori iniziali in opposizione compiacente», ha detto subito Brianda, che ha elencato i punti che non sono stati presi in considerazione: non c’è il coinvolgimento delle persone, le associazioni di volontariato rimangono escluse, non c’è nessun intervento per le periferie, niente è indicato per le fasce più deboli, per le famiglie numerose, niente neanche sui diritti civili o sulla tutela della salute e dell’ambiente.

MarianoBrianda2
Mariano Brianda

Niente di specifico viene detto su come migliorare la macchina burocratica comunale. E parecchi altri punti, dai rapporti con la Regione ma anche con l’Università ai giovani, al litorale e alle case dei gremi. Un lungo elenco insomma di argomenti neanche presi in considerazione, ha insistito Brianda: «Una quantità di temi tralasciati che fa capire quanto piccolo sarà l’orizzonte per città. Ma soprattutto emerge che a Sassari il problema sia quello dei posti auto, perché lei vuole realizzare ben quattro nuovi parcheggi. E poi il centro storico e le comunità etniche devianti. Che vuol dire? Che tutti gli appartenenti a una specifica comunità sono delinquenti? Tra i nigeriani ci sono persone oneste, hanno avuto anche premi Nobel, pensate. Insomma, gli ultimi continueranno a rimanere ultimi. Niente di nuovo sotto al sole. Un uomo solo al comando nel 2000, un uomo solo al comando anche oggi».

PeppinoMascia
Giuseppe Mascia (Pd)

«La cosa più importante di questo documento è il non detto. Le linee programmatiche sono un semplice atto burocratico o rappresentano invece il biglietto da visita principale di un’amministrazione?», ha aggiunto Giuseppe Mascia (Pd). «È un documento inerziale, pieno di “implementeremo”, “completeremo” e “avvieremo”. Manca un elemento di coerenza che dia una visione complessiva. Anzi, forse uno c’è: una visione di una città fatta di servizi e di parcheggi. Di parcheggi di cui non è dato ancora capire come possano essere raggiunti, perché prima vi sarebbe da capire la struttura della viabilità », ha proseguito Mascia. «C’è invece traccia di un accordo politico (con il M5s, ndr) in quei passaggi nei quali paventa lo spostamento del Centro intermodale e la realizzazione di una imprecisata Cittadella degli sportivi».

CarlaFundoni2
Carla Fundoni (Pd)

«Si tratta di un documento generico», ha detto Carla Fundoni (Pd). «Con sconcerto e preoccupazione si rileva l’assenza di una visione strategia per la città e il territorio. C’è invece una visione di città sommersa, che ha paura e che ha bisogno di telecamere. Non si parla di pari opportunità, i diritti sono assenti. Si parla ancora di devianza etnica, contrapponendo noi a loro. Sono d’accordo con quanto aveva detto Murru, bocciato come sindaco due volte, esponente di quel M5s che ha trovato considerazione nelle sue dichiarazioni: “Queste linee programmatiche sono l’evidenza di politiche che portano indietro la città di 15 anni”».

1_GiuseppeMasala
Giuseppe Masala (Pd)

«Nulla vi è di innovativo o di lungimirante in queste 16 pagine per affrontare i problemi della nostra città. Lei dice, signor sindaco, di avere una visione di 5 anni, a me sembra invece di 5 mesi. E ce ne servirebbe una di 25 anni, perché questi sono i tempi necessari per la risoluzione dei problemi», ha detto Giuseppe Masala (Pd). «Non una visione di territorio né di rete metropolitana. Non vi è cenno alcuno ai temi dei diritti, dell’accoglienza, delle pari opportunità o della disabilità. Secondo me questo è un documento che non ha scritto lei. Oppure è stato davvero lei a scrivere un documento generale per non vincolarsi e così rimanere libero. Un documento che mi lascia perplesso».

MarcoDettori
Marco Dettori (Futuro Comune)

«Non si fa menzione alcuna al settore industriale, agli insediamento di Porto Torres e Fiumesanto, che accolgono 700 lavoratori diretti e fino a duemila indiretti. Non si fa riferimento alle bonifiche. E non si fa menzione del progetto che il territorio ha sposato negli ultimi anni, il protocollo sulla chimica verde che ad oggi vale un miliardo di euro», ha fatto notare Marco Dettori (Futuro Comune).

«La valenza di questo documento di programmazione non la possiamo valutare perché mancano tutti gli elementi cardine. Suggella invece una convergenza programmatica del M5s in un più ampio contesto, quello del suo Progetto Civico, signor sindaco», ha detto Fabio Pinna (Pd), che ha insistito sull’aspetto dell’adeguamento della macrostruttura, ovvero della macchina comunale.

1_FabioPinna
Fabio Pinna (Pd)

«Molte delle cose richiamate nelle linee programmatiche si possono realizzare migliorando la spesa corrente. Serve potenziare la parte dei tributi con appiglio manageriale, questa una prima delle soluzioni, con un cambiamento della macrostruttura. Ma di questo passaggio non c’è proprio traccia».

Provocatorio infine l’intervento di Lello Panu (Italia in Comune), che alla fine si è espresso a favore delle linee programmatiche, ma con un palese intento di sfida. «Il mio è un voto di solidarietà. Noto con piacere che parecchi punti del suo programma corrispondono a quanto noi avevamo già avviato negli anni scorsi. Sono felice che abbia preso spunto da una visione dell’amministrazione precedente, per esempio sui nuovi parcheggi. Sono poi d’accordo su tante altre proposte. Sono però davvero curioso di capire con quali fondi le realizzerà».

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: