EvidenzaSassari

La Stroke unit dell’Aou di Sassari al World Stroke congress

Nell’anno della pandemia non calano i trattamenti di trombolisi e trombectomie meccaniche. Presentati due studi

Sassari. Nel periodo della pandemia i pazienti che si sono rivolti alla Stroke unit dell’Aou di Sassari hanno avuto una immediata risposta di cura, come nel periodo pre-Covid. Nel confronto con il 2019, emerge che per tutto l’anno 2020 non si sono registrate riduzioni né al numero di trombolisi né a quello delle trombectomie meccaniche, cioè i trattamenti salvavita e tempo dipendenti per il trattamento degli ictus ischemici. E così, se nel 2020 i primi trattamenti sono stati 111 (109 nel 2019), i secondi sono stati 29 (20 nel 2019).

I dati sono emersi ieri, 28 ottobre, in occasione del 13esimo congresso mondiale delle Stroke unit, organizzato dalla World Stroke Organization, società scientifica internazionale che si occupa esclusivamente di ictus e rappresenta oltre 55 mila specialisti dell’ictus in contesti clinici e di ricerca, con società e associati sparsi in numerosi Paesi del globo.

Il convegno che si è aperto ieri (il 29 ottobre sarà la giornata conclusiva) si è svolto in modalità virtuale, con gli iscritti che da 108 Paesi diversi, dall’America del Nord al Sud America, dall’Europa al Continente africano, dall’Asia all’Australia, hanno portato i loro contributi e le loro esperienze.

L’Aou di Sassari lo ha fatto con la Stroke unit diretta dal dottor Riccardo Boccaletti. La struttura, attraverso due poster, ha presentato il suo studio – realizzato da Alessandra Sanna, Bastianina Zanda, Maria Anna Pes, Claudio Fabio, Francesco Pintus e Riccardo Boccalettii– che sarà pubblicato sia negli atti congressuali sia nell’International Journal of Stroke abstract book.

«A livello mondiale c’è stata una riduzione dei trattamenti – afferma Alessandra Sanna, dirigente medico della Stroke unit – probabilmente perché alcune di queste strutture sono state convertite in reparti Covid. Questo, invece, non è successo a Sassari e ha consentito alla struttura di garantire la migliore cura ai pazienti. E sebbene da noi si siano ridotti i ricoveri, passati dai 535 del 2019 ai 475 del 2020, i trattamenti non sono calati. Questo anche a significare che, nonostante la pandemia, il paziente con patologia tempo dipendente ha ricevuto dalla struttura una immediata risposta».

Un’attività quella portata avanti dalla struttura mirata a ridurre la mortalità e la disabilità da ictus.

«L’ictus ischemico, infatti – spiega ancora Alessandra Sanna –, è la prima causa di disabilità e la terza causa di morte. Per questo motivo, il trattamento deve essere appropriato e, quando attivato in maniera precoce, è in grado di ridurre notevolmente gli effetti negativi dell’ictus».

Il secondo poster presentato dalla Stroke unit – realizzato da Alessandra Sanna, Bastianina Zanda, Leslie Dianne Parish e Riccardo Boccaletti – era relativo al caso clinico di una paziente di 85 anni. Lo studio ha evidenziato come il trattamento trombolitico sia da applicare anche solo davanti a una valutazione clinica su pazienti che presentano un deficit neurologico moderatamente grave e di esordio sconosciuto, a prescindere dal riscontro radiologico che dia esito negativo.  

Nel caso specifico, infatti, una prima risonanza magnetica negativa non aveva evidenziato la lesione da ictus. Il quadro clinico, però, ha spinto i medici ha effettuare ugualmente la trombolisi, garantendo così la cura migliore alla paziente.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: