CronacaEvidenzaSassari

La plastica avvelena i mari e gli organismi viventi

Il Consiglio comunale di Sassari approva all’unanimità una mozione di Luca Taras (Pd). Introdotto il divieto dell’uso di contenitori e stoviglie monouso non biocompostabili

Luca Taras

Sassari. Nei giorni scorsi il Consiglio comunale di Sassari ha approvato all’unanimità la mozione, presentata da diversi consiglieri e che ha come primo firmatario il consigliere del Pd Luca Taras, sulla lotta alla plastica monouso nel territorio della città e della Rete Metropolitana. La mozione, come emerso anche dal dibattito che si è sviluppato in aula, ha avuto come intento principale quello di ridurre l’utilizzo di plastiche monouso non biocompostabili e di conseguenza limitare la loro dispersione negli ecosistemi marini e terrestri. In particolare, come ha ricordato in aula il consigliere Taras e come ha ribadito l’assessore alle Politiche Ambientali Fabio Pinna, il Mediterraneo già oggi soffre fortemente della presenza di rifiuti plastici che, a seguito di degradazione, diventano microplastiche e nanoplastiche divenendo una minaccia, per l’ambiente, per la salute dell’uomo e per l’economia del territorio. Un recente studio infatti ha fatto emergere quanto ormai la nostra quotidianità sia contaminata dalla presenza delle pericolosissime e invisibili plastiche le cui tracce sono facilmente rinvenibili su molti alimenti della nostra tavola quali pesce, carne, frutti di mare, sale, bevande analcoliche, miele, ma anche acqua potabile e cosmetici.

«La plastica – dichiara il consigliere Taras – sta avvelenando i nostri mari, gli organismi viventi e, di conseguenza, anche l’uomo e, andando di questo passo, le stime dicono che nel 2050 la quantità di plastica nel Mediterraneo eguaglierà la quantità di pesce. Un dato che non può lasciarci indifferenti: i governanti, comprese le amministrazioni locali, possono e devono mettere in campo azioni concrete che portino ad un rivoluzione culturale nell’utilizzo delle plastiche ma anche ad una progressiva sensibilizzazione delle nuove generazioni sul tema ambientale. Per questo esprimo una forte soddisfazione sul voto unanime alla mozione da parte del Consiglio e per la disponibilità manifestata dall’Assessorato all’Ambiente nel portare avanti questo tipo di azioni», conclude Taras.

Fabio Pinna

Il dispositivo proposto e votato dall’aula introduce il divieto esplicito per chiunque all’uso di contenitori e stoviglie monouso non biocompostabili presso i litorali e, per gli esercenti che somministrano a diverso titolo alimenti e bevande, il divieto si estende sull’intero territorio comunale. Tale divieto si applica anche a privati, associazioni o enti in occasione di feste pubbliche o sagre. Infine è prevista l’introduzione di una campagna di informazione, divulgazione e educazione ambientale che accresca la consapevolezza della cittadinanza al problema.

«Come Assessorato – afferma l’assessore Pinna – abbiamo sin da subito sposato l’iniziativa e coglieremo l’opportunità che questa ci offre. L’azione consiliare qualifica il programma di politiche legate alla sostenibilità ambientale del Comune di Sassari e il voto unanime dell’aula ci consente di essere ancora più coraggiosi ed innovativi nel riscrivere il nostro regolamento per la gestione dei rifiuti e, siamo sicuri, trainare altre amministrazioni nella stessa direzione. Decisamente un ottimo esempio di politica quello che Consiglio Comunale e Giunta hanno dato in questo momento».

Tags
Mostra completo

Articoli collegati

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: