CronacaEvidenza

La Assl Sassari attiva l’Ispettorato micologico

Si tratta di un servizio di consulenza gratuita sulla commestibilità e sulla qualità delle specie raccolte, così da garantirne un consumo sicuro

Sassari. È attivo l’ispettorato micologico, un servizio di consulenza gratuita per i raccoglitori di funghi

Con l’arrivo della stagione autunnale e con lo sviluppo dei funghi spontanei, il Dipartimento di Prevenzione Area Nord ricorda agli utenti che è attivo l’ispettorato micologico della Assl Sassari: un servizio che offre a tutti i raccoglitori una consulenza gratuita sulla commestibilità e sulla qualità delle specie raccolte, così da garantirne un consumo sicuro.

Operativo nell’ambito del Servizio di Igiene degli alimenti e della nutrizione, l’ispettorato micologico effettua il controllo gratuito dei funghi destinati al consumo diretto, offre una consulenza agli operatori sanitari in caso di eventuali intossicazioni causate dall’ingestione di funghi velenosi e promuove corsi di formazione e di educazione sanitaria.

Tra le competenze dell’ispettorato micologico, riveste notevole importanza il controllo e la certificazione sanitaria dei funghi spontanei destinati alla vendita o alla somministrazione. Pertanto si invitano gli esercenti (venditori al dettaglio, ristoratori, operatori di agriturismo) a richiedere la certificazione di commestibilità.

L’ispettorato micologico si trova:
a Sassari in via Rizzeddu 21/B, è aperto al pubblico il lunedì, il mercoledì e il venerdì dalle 12 alle 13:30; in alternativa è possibile concordare un appuntamento chiamando i numeri: 348.5455906 – 079.2062889;
a Ozieri, in località San Nicola, è aperto al pubblico il lunedì dalle 8:30 alle 11; in alternativa è possibile concordare un appuntamento chiamando i numeri: 079.785300/09 – 347.3779432.

I funghi devono essere presentati all’ispettorato in cestini rigidi e forati, suddivisi per specie, freschi, puliti, integri e in buono stato di conservazione. Il controllo è importante non solo per la determinazione delle specie raccolte ma anche per i consigli sul trattamento o la preparazione dei funghi. Alcune specie, infatti, vanno consumate con un trattamento di prebollitura, altre dopo prolungata cottura, altre ancora si consumano previa asportazione del gambo o della cuticola.

Se si avvertono disturbi dopo il consumo dei funghi, i micologi consigliano di recarsi immediatamente all’ospedale al primo sintomo di malessere e di portare con sé eventuali avanzi dei funghi consumati, così da consentire ai tecnici di poter individuare rapidamente l’eventuale causa dell’intossicazione.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: