CronacaEvidenza

Insularità, Solinas: «Traguardo sempre più vicino»

«Lo Stato riconosca lo svantaggio della Sardegna. Proseguiamo la battaglia a livello nazionale ed europeo», dichiara il presidente della Regione

Cagliari. «Un altro passaggio legislativo che rende sempre più vicino l’inserimento del principio di insularità in Costituzione. Con il riconoscimento, a  breve, degli svantaggi derivanti dalla condizione insulare, la Sardegna avrà un motivo in più per rivendicare, anche a livello europeo, pari condizioni». Così il presidente della Regione, Christian Solinas, che ha espresso soddisfazione per l’esame appena concluso presso la Commissione Affari Costituzionali della Camera della proposta di legge di iniziativa popolare per il riconoscimento del principio di insularità in Costituzione.

Il presidente Solinas, ricordando quanto fino a oggi ottenuto con i negoziati avviati nel corso della Legislatura ha evidenziato la necessità di proseguire con la rivendicazione dei diritti della Sardegna sia a livello nazionale e sia a livello europeo. «Dobbiamo proseguire nel percorso avviato sulle entrate, che grazie agli accordi sanciti con il Governo ha portato alla riduzione di 77 milioni l’anno del contributo alla finanza pubblica – ha detto Solinas – consentendo alla Sardegna un risparmio di 308 milioni sul prossimo quadriennio, e ha assegnato dal 2021 alla nostra Isola i primi 66 milioni a compensazione dei maggiori oneri sostenuti sulla base della condizione di insularità  che diventano 100 milioni all’anno a regime, sempre come acconto, dal 2022 (266 milioni nel triennio, fino a nuova intesa)».

«È necessario, con il sostegno del Governo, portare avanti con forza anche le nostre rivendicazioni a Bruxelles», ha proseguito il presidente Solinas indicando la strada da seguire. «Serve una revisione profonda della normativa europea per renderla più rispondente alle sfide dei nostri territori, così come riconosciuto dallo stesso Europarlamento all’inizio di luglio approvando la risoluzione Omarjee, che ha rappresentato – spiega Solinas – un passaggio fondamentale nel percorso verso il riconoscimento della dimensione insulare nelle politiche e nella legislazione dell’Unione europea. Un risultato importante che avvia quel percorso auspicato per restituire dignità a oltre 20 milioni di cittadini europei distribuiti su circa 2400 isole appartenenti a 13 Stati membri».

Intanto, la Regione Sardegna è stata scelta dal Comitato delle Regioni per partecipare alla Settimana europea delle regioni e delle città, il principale evento annuale dedicato alla politica regionale dell’Unione europea. In qualità di capofila del partenariato delle Regioni insulari periferiche del Mediterraneo costituito da Corsica (Francia), Isole Baleari (Spagna), Gozo (Malta), Isole Ionie e Creta (Grecia), la Regione avrà il compito di organizzare una conferenza politica di altissimo livello che verterà sul tema dell’insularità.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: