EvidenzaPorto Torres

Industria, Todde a Porto Torres

La sottosegretaria del Governo Conte a confronto le istituzioni del Sassarese. Il nodo chimica verde

ToddePortoTorres1

Porto Torres. Sviluppo delle produzioni, sostegno alle imprese, sostenibilità e riconversione industriale sono stati alcuni dei temi trattati venerdì mattina dalla sottosegretaria dello Sviluppo economico Alessandra Todde, nel palazzo comunale, durante un incontro organizzato dall’amministrazione di Porto Torres, a cui hanno partecipato il sindaco Sean Wheeler e il vicesindaco e assessore alle Attività produttive, Marcello Zirulia. Presenti al tavolo il presidente del Consorzio industriale provinciale, Valerio Scanu, assieme al vicepresidente Claudio Pecorari e al direttore Salvatore Demontis, il presidente dell’autorità di Sistema portuale del Mare di Sardegna, Massimo Deiana, l’amministratore unico della Provincia di Sassari Pietrino Fois, il vicesindaco di Sassari Gianfranco Meazza, il sindaco di Alghero Mario Conoci, il direttore del Parco nazionale dell’Asinara, Vittorio Gazale, i rappresentanti di Confindustria e delle sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil.

«È stato un confronto costruttivo – ha sottolineato il sindaco Sean Wheeler – che abbiamo voluto estendere agli attori principali del nostro territorio per rendere questo tavolo un concreto momento di lavoro e approfondimento sui temi che riguardano lo sviluppo dell’area produttiva e dello scalo marittimo, punti di riferimento non solo della città ma di tutto il Nord Sardegna».

ToddePortoTorres2«Ho potuto acquisire un bagaglio di informazioni che porterò all’attenzione degli uffici del mio e degli altri ministeri che hanno competenze. Sicuramente – ha affermato la sottosegretaria Todde – vanno sciolti i nodi sull’accordo di programma per le aree industriali complesse e sulla zona economica speciale, due strumenti che quando entreranno nella fase di piena attuazione consentiranno di creare servizi, incrementare l’attrattività del territorio e del porto e sostenere le imprese. Ho accolto positivamente l’invito dell’Amministrazione comunale di Porto Torres, perché ritengo sia fondamentale essere presente sui territori per capire come trasformare le criticità in opportunità e per ascoltare direttamente la voce degli enti locali e del mondo produttivo».

Durante la riunione si è parlato dello stallo della chimica verde e delle divergenze societarie che al momento hanno congelato gli investimenti e la crescita del settore. «Mi impegno a incontrare al più presto Eni e Novamont», ha aggiunto Alessandra Todde.

Focus anche sui processi di decarbonizzazione che riguarderanno la centrale di Fiume Santo e che saranno al centro di un tavolo programmato il 31 gennaio al Ministero dello Sviluppo economico con i gestori degli impianti energetici della Sardegna. Sono stati poi portati all’attenzione del Sottosegretario i progetti sulla sostenibilità dell’infrastruttura portuale, già individuata come sede del deposito di Gnl attraverso un progetto finanziato dal Consorzio industriale provinciale, e sulle opportunità della industria del diporto e della cantieristica navale. È stato richiesto un impegno a monitorare le tempistiche delle bonifiche che saranno oggetto dei fondi europei previsti dal Green Deal «la cui ripartizione non è stata ancora quantificata – ha precisato il sottosegretario – ma ci impegneremo a utilizzarli non appena saranno individuate risorse e modalità di spesa».

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: