CronacaEvidenza

In Sardegna il capo di Stato maggiore dell’Esercito

Il generale Pietro Serino ha visitato il Comando Brigata “Sassari”, il Comando Militare Esercito, il Reparto Supporti e l’Ufficio Documentale del CME

Sassari. Nei giorni scorsi il capo di Stato Maggiore dell’Esercito, il generale di Corpo d’Armata Pietro Serino, ha fatto visita ai reparti dislocati in Sardegna: il Comando Brigata Sassari, il Comando Militare Esercito Sardegna, il Reparto Supporti e l’Ufficio Documentale del CME Sardegna. Per tutti i militari incontrati il generale Serino ha voluto ribadire che «oggigiorno è necessario abbracciare concetti e principi organizzativi nuovi, in cui le diversità diventano punti di forza per una organizzazione come la nostra, che è chiamata costantemente a rispondere a qualsiasi emergenza si presenti, ottimizzando sempre risorse finanziarie, di personale e di mezzi. Vi ringrazio per quello che fate per l’Esercito, per la Sardegna e per l’Italia».

Caserma La Marmora – La firma dell’Albo d’Onore al Comando Brigata Sassari

La visita è iniziata dalla caserma La Marmora, sede del Comando Brigata Sassari. Dopo la resa degli onori sulle note di Dimonios, il celebre inno dei Diavoli Rossi – intonato per l’occasione dalla Banda musicale della Brigata – il generale Serino, accompagnato dal comandante del Comando delle Forze Operative Sud, generale di Corpo d’Armata Giuseppenicola Tota, è stato accolto dal comandante della “Sassari”, il generale di Brigata Giuseppe Bossa. Nel corso di un briefing sono state presentate al capo di SME le tematiche relative alla situazione organica delle unità della Brigata in termini di personale, dotazioni e mezzi, all’ammodernamento delle infrastrutture e agli impegni operativi della Grande Unità, nonché al benessere del personale. Il capo di Stato Maggiore dell’Esercito ha poi visitato il museo storico della Brigata nelle cui sale espositive si è soffermato per ripercorrere le gesta dei leggendari Diavoli Rossi nel corso della Grande Guerra.

Firma dell’Albo d’Onore del Comando Militare Esercito Sardegna

Il giorno seguente, il generale Serino si è recato in visita al Comando Militare Esercito Sardegna dove, dopo aver ricevuto gli onori da parte di un picchetto in armi, è stato accolto dal comandante del Comando Militare della Capitale, il generale di Corpo d’Armata Rosario Castellano e dal comandante del CME-Sardegna, il generale di Brigata Stefano Scanu, con i quali si è trattenuto per un office call per fare un punto di situazione sulle attività in corso e quelle future del comando territorale sardo. Successivamente, il generale Serino ha ringraziato il personale militare e civile in servizio presso il CME per l’impegno e il senso del dovere profuso nello svolgimento dei compiti istituzionali nella particolare realtà sarda. Dopo la firma dell’albo d’onore, l’alto ufficiale ha visitato le infrastrutture della caserma Ederle di Cagliari, sede del Reparto Supporti e dell’Ufficio Documentale del CME Sardegna, per poi concludere la visita presso la caserma Monfenera di Cagliari. Salutate le pluridecorate bandiere di guerra dei reggimenti della Brigata Sassari, il generale Serino ha incontrato i comandanti e i militari dei reparti del sud dell’isola, ai quali ha rivolto parole di apprezzamento per la professionalità evidenziata in una lunga serie di interventi che vanno dalle operazioni di soccorso in caso di pubbliche calamità alla bonifica di residuati bellici, dalle attività in supporto al servizio sanitario regionale per il contrasto alla pandemia a quelle in concorso con le Forze dell’Ordine nell’ambito dell’operazione “Strade Sicure”.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: