EvidenzaSpettacoli

Il Teatro Verdi di Sassari non si ferma e pensa al prossimo cartellone

Annullata la stagione concertistica “I Grandi Interpreti della musica” prevista in questi mesi. La cooperativa Teatro e/o Musica rimodula il calendario

Sassari. Per il mondo dello spettacolo il 2020 sarà un anno difficile da dimenticare. I danni economici e strutturali sono, in questo momento, incalcolabili. Teatri e cinema resteranno chiusi ancora per molti mesi ed è evidente che anche in Sardegna le centinaia di istituzioni pubbliche e private che operano in questo settore non potranno programmare le iniziative pensate per la stagione estiva ed invernale.

Tra le tante istituzioni del territorio anche la cooperativa Teatro e/o Musica, che gestisce Teatro Verdi di Sassari, è stata costretta a rimodulare il cartellone tentando inizialmente di far slittare di qualche mese gli spettacoli programmati in particolare la stagione concertistica “I Grandi Interpreti della musica”.

«Per tutelare la salute degli spettatori – dice il direttore artistico Stefano Mancini – siamo costretti ora ad annullare definitivamente il programma che era arrivato al giro di boa. È doveroso e corretto comunicare, ai nostri abbonati che le quattro date annullate (il violinista Pavel Berman, il Trio italiano d’archi, i giovani solisti e il violinista Ilya Gringolts) verranno recuperate e inserite nella stagione 2021 con gli stessi interpreti che completeranno il calendario del prossimo anno». Per chi ha acquistato quest’anno l’abbonamento, il costo della stagione 2021 sarà ridotto del 50%, così da compensare la perdita economica che gli spettatori hanno subito.

«Le rassegne, le stagioni concertistiche, di prosa, di balletto e i festival estivi fanno parte del prezioso tessuto culturale che caratterizza la nostra isola – prosegue Stefano Mancini – e rappresenta anche un fondamentale indotto turistico che si traduce in lavoro e occupazione. A riprova di questo fermento è stata anche l’inaugurazione di nuovi teatri oltre al recupero di alcuni spazi storici. La diffusione capillare delle iniziative di spettacolo ha dato linfa vitale anche a piccoli centri riportando l’attenzione del pubblico e dei turisti anche su luoghi dimenticati».

Il momento di difficoltà che il mondo dello spettacolo sta vivendo è stato messo in rilievo recentemente anche dalle rappresentanze degli operatori, Agis spettacolo dal vivo, che hanno fatto un appello al presidente della Regione Christian Solinas e all’assessore alla cultura Andrea Biancareddu chiedendo l’attivazione di interventi straordinari. «Il Verdi come tutti i teatri del mondo – conclude Stefano Mancini – rimarrà in silenzio per alcuni mesi ma noi non ci fermiamo, continuiamo a lavorare sperando che a fine anno ci sia consentito riaprire. Il Verdi supererà anche questo drammatico evento, dopotutto ha affrontato altri momenti difficili in oltre un secolo e mezzo di storia, una storia che lo ha visto spettatore della vita culturale di Sassari ma soprattutto protagonista».

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: