EvidenzaPolitica

Il Pci boccia la Regione: la sanità sassarese è al collasso

La situazione del pronto soccorso è devastante: ogni giorno si registrano tra i 70 e gli 80 accessi

Sassari. Il dilagare del covid ha messo drammaticamente in ginocchio la sanità del sassarese e dell’intera isola già provata dalla cattiva gestione degli ultimi anni. Le strutture e i servizi ospedalieri della provincia di Sassari – approdo ormai dei cittadini di mezza Sardegna – sono al collasso e le direzioni strategiche delle due aziende territoriali non forniscono risposte, ignorando e sottovalutando la gravità assoluta della situazione. La federazione di Sassari del Partito comunista italiano e la sezione “Polano-Berlinguer” esprimono piena solidarietà ai lavoratori e alle lavoratrici di tutti i settori impegnati in questi ultimi due anni a contrastare l’assalto della pandemia e il notevole ridimensionamento dei servizi per la mancanza di personale sufficiente e l’attacco alla sanità pubblica. I comunisti si riconoscono nel documento diffuso da Cgil-Cisl-uil e ribadiscono quanto segue: – Occorre che le aziende sanitarie e l’assessorato studino forme di contenimento per evitare l’approdo degli utenti unicamente all’ospedale di Sassari. La situazione del pronto soccorso è devastante: ogni giorno si registrano tra i 70 e gli 80 accessi, «con una media di permanenza di circa una settimana in attesa di un posto letto», denunciano i sindacati. Ci troviamo di fronte dunque alla sanità negata non solo per le persistenti difficoltà d’organico ma anche perché altre strutture territoriali nel nord e del centro dell’isola sono costrette a rifiutare pazienti e a dirottarli su Sassari

Non solo il pronto soccorso ma anche altre unità operative in particolare dell’area medica e chirurgica sono al collasso perché sotto pressione «a causa dei continui bisogni di ospedalizzazione», denunciano i sindacati così come le unità pediatriche e clinica ostetrica. L’apertura di una nuova unità operativa al “Marino” di Alghero rischia di restare una scatola vuota senza l’assegnazione di risorse umane e professionali. E bisogna fare in fretta. I comunisti concordano che serva l’aiuto di strutture sanitarie, già impegnate, come il Policlinico e il Mater Olbia. Ma la sanità pubblica è al primo posto. I 200 lavoratori e lavoratrici con rapporto interinale devono essere al più presto inquadrati tramite bandi di selezione o concorsi. È in atto una gravissima emergenza. I comunisti non solo sono solidali con i lavoratori e i sindacati ma chiedono un immediato pronunciamento delle istituzioni a partire dall’Amministrazione comunale di Sassari e degli altri Comuni. La Regione, dopo aver versato la tranche di 20 milioni di euro al Mater, si accorga del disastro della sanità sassarese.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: