CulturaEvidenzaSassari

Il manoscritto di Pietro Satta Branca all’Archivio storico comunale

È la tesi di laurea sugli statuti sassaresi del deputato e sindaco nei primi decenni del 1900. Fu tra i fondatori della Nuova Sardegna

ManoscrittoSattaBrancaSassari. Un’opera di grande valore che va a implementare il patrimonio dell’Archivio storico comunale. È il dono che gli eredi Satta Branca hanno fatto all’Amministrazione sassarese. Si tratta del manoscritto della tesi di laurea in giurisprudenza (nel 1883) di Pietro Satta Branca sugli statuti sassaresi. L’assessora alle Politiche culturali Manuela Palitta e il responsabile scientifico del progetto “Statuti sassaresi” Paolo Cau hanno ringraziato la famiglia, rappresentata da Guido Clemente, con una copia degli Statuti Sassaresi: due volumi che raccolgono la riproduzione fotografica del corpus scrittorio dei codici medioevali e che rappresentano l’eredità documentale della nostra collettività.

Pietro Satta Branca, uno dei protagonisti della politica cittadina nel periodo giolittiano, nacque a Sassari il 26 ottobre 1861. Avvocato, nel 1891 fu tra i fondatori della Nuova Sardegna, poi diventata quotidiano. Dal 1902 al 1907 è stato sindaco, per poi essere eletto deputato dal 1919 al 1921.

In occasione della cerimonia per la consegna del Candeliere d’oro, l’Amministrazione comunale aveva omaggiato Editta Costa, erede di Enrico, con una targa in segno di ringraziamento per il dono all’Archivio storico comunale di un altro importantissimo manoscritto: il primo libro di Enrico Costa “Storia di un gatto”.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: