Candelieri 2018Evidenza

Il Gremio dei Fabbri ha celebrato Sant’Eligio

Sabato 1 dicembre è stata rinnovata la Festa Maggiore. La cappella ha sede nel Duomo di San Nicola. Il nuovo obriere maggiore è Giancarlo Murgiolu. Il video

Fabbri04Sassari. Il gremio dei Fabbri ha rinnovato sabato scorso 1 dicembre nel Duomo di San Nicola la propria Festa Maggiore. Il nuovo obriere maggiore per l’ultimo mese del 2018 e per i primi 11 del 2019 è Giancarlo Murgiolu, che al mattino con la tradizionale cerimonia dell’Intregu nella cappella del gremio dedicata al patrono Sant’Eligio ha ricevuto la bandiera dall’obriere uscente Giuseppe Pipia. La messa è stata celebrata dal padre guardiano del convento di Santa Maria di Betlem Salvatore Sanna (OFMConv). In serata con partenza e rientro al Duomo la consueta processione ha attraversato il centro storico, con tappa nella chiesa di Sant’Apollinare. Anche quest’anno il simulacro del patrono Sant’Eligio è stato accompagnato dai gremi cittadini e dal parroco di San Nicola, monsignor Dino Pittalis, insieme al gremio dei Fabbri di Alghero (gremio di Sant’Aloy) e a una rappresentanza delle confraternite sassaresi. I passaggi musicali sono stati curati dalla Banda Musicale Luigi Canepa.

Il gremio dei Fabbri (e affini), in sassarese chiamati Li Frairaggi, è antichissimo e risale al Medioevo. Protagonisti dell’economia cittadina, la maestranza comprendeva anche orafi e argentieri. Dal 1515 la cappella del gremio si trova nel Duomo di San Nicola; in precedenza la sede era nella chiesetta-oratorio nell’area delle concerie intitolata al patrono Sant’Eligio, vescovo francese del VII secolo. Del 1521 sono i primi Statuti della confraternita, i più antichi tra quelli pervenuti dei gremi sassaresi. I Fabbri non hanno mai sciolto il Voto all’Assunta prima dell’ammissione del gremio nel 2007 alla Faradda del 14 agosto, anche se diversi documenti (in particolare del XVIII e del XX secolo) riportano tra le spese in bilancio quella per un candeliere.

Il candeliere del gremio dei Fabbri è di color rosso fuoco, elemento del lavoro. Benedetto dall’allora arcivescovo padre Paolo Atzei il 2 dicembre del 2006. È il secondo a partire da piazza Castello e il decimo a entrare a Santa Maria di Betlem.

 

Mostra completo

Articoli collegati

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: