EvidenzaSassari

Comitato Metrotranvia: «L’Arst ci racconterà il suo miglior progetto e finirà lì»

Mercoledì assemblea pubblica a Sant’Orsola promossa con il Comitato di quartiere. Musmeci: «Il consiglio comunale aperto non ci convince». No al ponte sulla 131

Sassari. «Di istruttoria pubblica adesso non si parla più. Eppure in agosto, quando avevamo visto il sindaco, eravamo andati via convinti di avere deciso che si sarebbe fatta. Non ci convinceva la modalità con cui era stata immaginata: l’idea del sindaco era come quella di oggi, mettiamo a confronto le varie ipotesi, poi come finisce si racconta. Ovvero, se poi si sceglie una cosa difficile da realizzare sono affari vostri». Lo ha ribadito mercoledì sera Rosario Musmeci, a nome del Comitato Metrotranvia nel salone della parrocchia di Sant’Orsola all’iniziativa promossa dallo stesso comitato e dal Comitato di quartiere di Sant’Orsola sulla realizzazione della metropolitana leggera. All’assemblea pubblica è intervenuto anche il professor Francesco Annunziata, già docente di Costruzioni di Strade, Ferrovie e Aeroporti al Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Cagliari. Tra il pubblico consiglieri comunali del centrosinistra e del M5s, il presidente del Consiglio comunale Maurilio Murru e Mariolino Andria del gruppo misto di minoranza.

Il sindaco Campus: «Sulla metrotranvia dal 2016 non è stato fatto niente»

«Oggi quell’istruttoria pubblica è diventata un consiglio comunale aperto dove l’Arst viene e ci racconta qual è il miglior progetto per la città. Poi magari qualcuno di noi potrà avere la parola, non lo so. Ma è un’altra storia. Non c’è nessun fraintendimento quindi sulla questione dell’istruttoria pubblica. Noi chiediamo che ci sia, con un’amministrazione che ci dica cosa vuol fare. Con tecnici che ci dicano perché quell’idea è fattibile o meno. Ma l’Arst l’istruttoria pubblica non la vuole fare, né oggi né quando era sindaco Nicola Sanna. Se mi dice che un progetto non va, qual è la funzione che sta svolgendo l’Arst? È una funzione anomala. Può ragionare di curvatura, di 25×1000 in elevazione da non superare», ha detto ancora Musmeci. «Il sindaco spiega che non possiamo perdere i finanziamenti. Siamo tutti d’accordo. E allora, per non perderli, procediamo per lotti. Ma io non ce l’ho col sindaco di questa città. Voglio che sia il migliore interlocutore per i cittadini»

Le diverse ipotesi progettuali

Chicco Porcu (Arst): «Ci sono state sottoposte dalle diverse amministrazioni comunali varianti molto diverse e noi abbiamo bisogno di un indirizzo chiaro perché nel dicembre 2021 scade il termine dell’obbligazione vincolante per l’impiego dei fondi e le sole procedure di gara, richiedono circa un anno di tempo, per cui occorre arrivare presto ad una scelta definitiva».

Altra questione è quella del ponte. «L’Arst finora è rimasta ferma perché vuole il ponte. E ne ha già fatto uno molto bello a Monserrato. Dare l’avvio ai lavori per lotti significa dire all’Arst vai e parti col tuo progetto. E sulla seconda parte, per Li Punti, abbiamo tempo per parlarne».

Manca ancora una visione d’insieme, ha spiegato poco dopo il professor Annunziata. «La viabilità ferroviaria su tram crea meno impatto nei centri abitati. L’obiettivo è realizzare un sistema integrato urbano e di area, tra Sassari, Alghero e Porto Torres. E questa sarebbe una continuità territoriale interna». (lu.fo.)

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: