EvidenzaHinterland

Gli allievi dell’Accademia “Sironi” arredano il centro di Buddusò

Una grande scalinata nella quale è stato riprodotto fedelmente un tipico tappeto sardo con l’aggiunta di elementi scultorei collocati tra i gradini

Buddusò. I ragazzi arredano i luoghi, gli conferiscono freschezza e dinamismo, li illuminano con una nuova luce. E così hanno fatto i giovani del biennio specialistico di pittura e scultura dell’Accademia di belle arti “Mario Sironi”. Così nasce la collaborazione, nell’ambito delle manifestazioni culturali programmate, con l’amministrazione comunale di Buddusò. Tutto questo grazie al progetto ideato e coordinato dai professori Davide Fadda, Giovanni Sanna e Federico Soro, con l’obiettivo di valorizzare il luogo e mettere in evidenza le individualità artistiche di dieci giovani artisti allievi della “Sironi” di Sassari: Francesca Acacia, Matteo Chessa, Verdiana Galia, Giuseppe Gaspa, Davide Manca, Salvatore Mereu, Paola Giuseppina Moretti, Luisa Pistidda, Serena Salis, Cristian Sechi.

Una grande scalinata nella quale è stato riprodotto fedelmente un tipico tappeto sardo con l’aggiunta di elementi scultorei collocati tra i gradini. Il talento dei giovani artisti ha arredato circa duecento metri quadrati dando al centro del paese un’aria nuova e di grande impatto.

Si tratta di un progetto innovativo che coinvolge la collettività di Buddusò, che accresce l’appeal del paese, non solo per chi lo visita, ma anche e soprattutto per lo vive quotidianamente. Un passo. Il primo che negli intendimenti dell’amministrazione rappresenta l’inizio di un percorso di miglioramento e valorizzazione del centro storico di Buddusò, passando attraverso l’arte, creando un virtuoso connubio tra la diffusione di cultura e le esigenze estetiche e di manutenzione, così da migliorare le zone talvolta poco valorizzate anche dal punto di vista visivo.

Tags
Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: