CronacaEvidenza

Giornalisti in Sardegna, per oltre la metà sono lavoratori autonomi

Commissioni Attività produttive e Lavoro in seduta congiunta: audizione di sindacato e Ordine dei giornalisti

Cagliari. Le commissioni Attività produttive e Lavoro in seduta congiunta (presiedute rispettivamente da Piero Maieli ed Alfonso Marras del PSd’Az) hanno ascoltato i presidenti dell’Associazione della stampa sarda Celestino Tabasso e dell’Ordine dei giornalisti della Sardegna Francesco Birocchi nel quadro delle attività conoscitive riguardanti i lavoratori autonomi colpiti dall’emergenza Covid rimasti finora privi di ristori.

Nel suo intervento il presidente del sindacato dei giornalisti Celestino Tabasso ha ricordato che oltre la metà dei giornalisti sardi in attività è composta da lavoratori autonomi, con partita Iva e con contratti di collaborazione continuativa (una “platea” di oltre 300 persone), che già prima della pandemia operavano in una situazione difficilissima sul piano di diritti, garanzie e retribuzioni, a causa della crisi del mondo dell’editoria.

Si tratta di lavoratori, ha osservato Tabasso, che assicurano con la loro professionalità spazi fondamentali di qualità dell’informazione, libertà, pluralismo e democrazia nella società sarda e nello stesso tempo rappresentano una componente insostituibile nelle aziende editoriali che. La fase dell’emergenza Covid però, ha concluso il presidente del sindacato, ha ulteriormente ridotto gli spazi occupazionali e le retribuzioni, lasciando i giornalisti autonomi privi di sostegno, un vuoto che le istituzioni regionali possono e devono colmare con interventi in linea con quelli messi in campo per altre categorie.

Francesco Birocchi, presidente dell’Ordine, si è poi soffermato sui grandi cambiamenti che hanno inciso in negativo a livello globale sulla figura del giornalista dopo lo sviluppo incontrollato delle nuove tecnologie di comunicazione. Un segnale di questa crisi, ha spiegato, viene proprio dalla crescita anomala del lavoro autonomo, nel quale operano giornalisti che vivono solo del proprio lavoro in condizioni di massima flessibilità, con rapporti contrattuali rispetto ai quali sono in una posizione di oggettiva debolezza, costretti ad adattarsi alle più diverse situazioni. È giusto quindi, ha detto infine Birocchi, che il Consiglio regionale si occupi di questa categoria che svolge nella società un ruolo di grande rilevanza politica e civile, purtroppo non adeguatamente riconosciuto.

Nel successivo dibattito hanno preso la parola i consiglieri regionali Roberto Deriu e Piero Comandini del Pd, Laura Caddeo dei Progressisti, Ignazio Manca della Lega e Desirè Manca, del M5S.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: