CronacaEvidenza

Gavino Manca (Pd): «Il governo difenda la quattro corsie Sassari-Alghero»

La strada deve essere completata secondo il progetto originario, ricorda il deputato sassarese

Sassari. «Il Nord Ovest della Sardegna chiede con forza che la Sassari-Alghero venga completata secondo il progetto originario». Lo ricorda il deputato del Pd Gavino Manca.

«In attesa che si esprima il Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe), ho presentato un’interrogazione al presidente del Consiglio e al ministro dei Beni culturali, in cui ho riportato le preoccupazioni di chi vive in questo territorio. Sappiamo che si tratta di un’infrastruttura fondamentale per lo sviluppo economico del Nord Sardegna ed è impensabile che a un passo dalla conclusioni sia saltato fuori un nuovo ostacolo. Il parere espresso dalla struttura del Ministero per i Beni culturali, che “riduce” la strada a due corsie, non tiene conto di tutti i passaggi del lungo iter di un progetto che, lo voglio ricordare, con il governo di centrosinistra guidato da Renzi aveva ricevuto i fondi necessari per il completamento. Ci si è basati sulla considerazione che il Piano paesaggistico regionale (Ppr) non preveda la costruzione di strade a quattro corsie all’interno della cosiddetta fascia costiera. Eppure nelle norme tecniche di attuazione del Ppr, tuttavia, viene specificato che nella fascia costiera non è ammessa la realizzazione di “nuove strade extraurbane di dimensioni superiori alle due corsie, fatte salve quelle di preminente interesse statale e regionale, per le quali sia in corso la procedura di valutazione di impatto ambientale presso il ministero dell’Ambiente, autorizzate dalla Giunta Regionale”. La progettazione della Sassari-Alghero è iniziata negli anni Ottanta, la sua realizzazione negli anni Novanta e ha superato tutte le valutazioni possibili».

«Conosciamo la sensibilità del presidente del Consiglio e soprattutto del ministro Franceschini verso la nostra isola. Per questo sono certo che tutto il governo si adopererà non solo per riportare la strada al progetto originario ma soprattutto perché i cantieri partano al più presto. È un’opera che la Sardegna aspetta da troppo tempo e non si può più rimandarne il completamento», conclude Manca.

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: