EvidenzaSport

Gara3 finale scudetto, la Dinamo perde in casa

Contro l’Umana Reyer Venezia la rimonta non si è consolidata. Dopo il pareggio raggiunto il crollo

Sassari. Gara3 finisce con una sconfitta casalinga per la Dinamo. L’Umana Reyer Venezia si aggiudica la gara per 76 a 73, giocata in un Palaserradimigni gremito. A questo punto la serie è sul 2-1 per i veneti. Domenica gara4 sempre a Sassari.

A Gentile e compagni non è così bastato un finale che sembrava preludere all’ennesimo capolavoro. La rimonta non si è consolidata e dopo la parità conquista sul 64-64 la Dinamo ha nuovamente ceduto. Non un divario incolmabile ma sufficiente a chiudere la gara. In serata no Cooley.

Coach Pozzecco manda in campo Smith, Carter, Pierre, Thomas e CooleyDe Raffaele schiera Haynes, Stone, Bramos, Mazzola e Watt. Gli orogranata partono bene con Bramos e Haynes, i biancoblù un po’ contratti nei primi minuti rompono il ghiaccio con Pierre e il gioco da tre Smith. Ruotano i quintetti, il botta e risposta sul filo della parità è dalla lunetta e dal pitturato, Haynes dall’arco e Daye cercano l’allungo, Pozzecco chiama i suoi. La tripla di Gentile tiene il Banco a contatto e i primi 10’ di gioco si chiudono sul 16-19. Nella seconda frazione Tonut si mette in proprio e firma un parziale di 5-0, giuri Thomas dalla lunetta e Spissu dai 6.75 riducono le distanze a 4 lunghezze. I ragazzi di coach Pozzecco faticano a concretizzare, Venezia ne sa approfittare per scappare grazie a Daye e Stone per il vantaggio in doppia cifra (24-35 a 3’ dall’intervallo lungo). Immediata la risposta biancoblù, con Pierre, Thomas e Cooley, che pero non riesce a fermare l’offensiva avversaria e si va agli spogliatoi sul 32-39.

Nella ripresa Thomas e Smith accendono l’attacco biancoblù, Stone risponde da 3, è lotta di stazza sotto il ferro, Pierre porta i suoi a un solo possesso, Gli uomini di de Raffaele in piena fiducia dettano il ritmo, le bombe di Tonut, Bramos, Stone e De Nicolao allargano il divario di nuovo in doppia cifra, al 30° è 46-59. Negli ultimi 10’ di gioco Watt e De Nicolao incrementano, Polonara e Spissu tengono acceso l’attacco del Banco, Polonara per Thomas che appoggia al ferro infiamma il PalaSerradimigni e riporta la Dinamo a due possessi. Un Gentile incontenibile guida i suoi, Pierre schiaccia per il pareggio (64-64 con un break di 14-0 per il Banco). Controbreak Reyer di 7-0 con Haynes e Daye e Pozzecco chiama il minuto. E’ ancora Gentile, questa volta dalla lunga, a riportare i suoi a contatto, è ancora parità (71-71) con Polonara che buca la difesa orogranata quando è già partito l’ultimo giro di cronometro. Daye punisce dai 6.75, una palla contesa regala il possesso alla Dinamo a 16.8” dalla fine, è ancora timeout Banco. Gentile capitalizza il fallo subito da Vidmar, un solo punto di svantaggio. Daye dalla lunetta non sbaglia, i biancoblù non finalizzano l’ultimo possesso e gara3 si chiude 73-76 con Venezia che si porta in vantaggio sulla serie per 2-1.

«Devo ringraziare i miei giocatori che hanno avuto la durezza mentale giusta davanti ad un pubblico caldo ma corretto come quello del PalaSerradimigni – ha commenato al termine dalla partita il coach della Reyer Walter De Raffaele. Sassari è una squadra fortissima, sarà una serie lunga, il fattore campo l’ho detto all’inizio non esiste».

«È stata un’altra grande partita. Complimenti a Venezia che ha giocato un’ottima gara, per quanto ci riguarda abbiamo avuto leggermente più pressione rispetto a Venezia – ha detto invece il coach della Dinamo Gianmarco Pozzecco –. Giocare in casa ci ha responsabilizzato un po’ troppo e ad inizio partita abbiamo pagato con le percentuali al tiro basse conseguenza di ciò. Siamo stati bravi a rientrare dal -14 fino al pari ma non siamo riusciti mai a mettere il canestro del vantaggio, forse avrebbe cambiato le sorti della gara ma non fa niente. La serie è lunga, dovranno batterci ancora due volte e se vogliamo vincere lo scudetto dobbiamo batterli tre. Voglio vedere i miei ragazzi sereni, è l’unico obiettivo che ho per la prossima gara. Oggi abbiamo visto un grande ultimo quarto, al Taliercio è difficile fare una quarta frazione intensa come quella di oggi, non ci sono colpevoli diretti ma tutti insieme dobbiamo far sì che la pallacanestro migliori».

 

Dinamo Banco di Sardegna 73 – Umana Reyer Venezia 76
Parziali: 16-19; 32-39; 14-20; 27-17
Progressivi: 16-19; 16-20; 46-59; 73-76

 Dinamo Banco di Sardegna: Spissu 5, Smith 7, McGee 3, Carter, Devecchi, Magro, Pierre 15, Gentile 10, Thomas 17, Polonara 10, Diop , Cooley 6. All. Gianmarco Pozzecco

Umana Reyer Venezia: Haynes 9, Stone 9, Bramos 8, Tonut 10, Daye 22, De Nicolao 6, Vidmar, Biligha, Giuri 3, Mazzola, Cerella, Watt 9. All. Walter De Raffaele

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: