Cronaca

Funerale fascista, il Pci presenta un denuncia ai Carabinieri

La segretaria della federazione sassarese Patrizia Marongiu: «Questi rigurgiti nostalgici siano duramente e prontamente repressi»

Sassari. Il Partito comunista italiano condanna lo sfregio compiuto alla tradizione antifascista e democratica della città di Sassari sul sagrato della chiesa di San Giuseppe. «Un manipolo di fascisti di CasaPound inquadrati militarmente si è esibito nel saluto romano esponendo anche l’ignobile bandiera della repubblichetta di Salò, filo nazista e complice delle ideologie che hanno portato alla guerra, alla tirannide e ai forni crematori. Il Pci – si legge in una nota – denuncia la risorgenza impunita di gruppi e associazioni che si rifanno apertamente all’ideologia fascista e nazista e chiede che questi rigurgiti nostalgici vadano duramente e prontamente repressi. Si ravvisa con grande chiarezza l’apologia del fascismo, reato penale punito dalla legge. Non si deve permettere ai fascisti di oltraggiare la Repubblica e di concedergli agibilità come fosse una normale dialettica democratica. Inneggiare al fascismo non è un opinione ma un crimine».

PatriziaMarongiu
Patrizia Marongiu

La segretaria della federazione del Pci, Patrizia Marongiu, per questo motivo ha provveduto a presentare una denuncia al comando provinciale dei carabinieri di Sassari ravvisando nell’esibizione fascista di Sassari il reato di apologia del fascismo. «I comunisti di Sassari apprezzano la condanna dell’episodio da parte del sindaco e sollecitano analoghe prese di posizione da tutte le forze politiche democratiche – tanto più che Sassari si fregia dell’onore di città antifascista –. Serve una forte, chiara, decisa mobilitazione e una ripresa della campagna antifascista».

Tags
Mostra completo

Articoli collegati

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: