EventiEvidenza

Festival del cinema di Tavolara, omaggio a Dante con Neri Marcorè

Martedì 15 giugno dalle 21,30 in piazzetta Gramsci a Porto San Paolo. I biglietti sono acquistabili on line sul sito www.cinemaolbia.it

Neri Marcorè

Loiri (Olbia). La cultura, musica e spettacolo nel segno del Festival del cinema di Tavolara. La ripartenza dopo la pandemia, con tutte le precauzioni e le misure di prevenzione sanitaria, porta il marchio indelebile del Festival di Tavolara e di uno dei volti che hanno segnato la storia recente di “Una notte in Italia”: Neri Marcorè. Colui che per anni ha accompagnato la proiezione dei film sul palco del festival, anche quest’anno omaggerà la rassegna, presentando quello che è insieme il prologo e il primo evento dell’edizione 2021.

PRIMO APPUNTAMENTO. Apertura di lusso, dunque, per il Festival del cinema di Tavolara il prossimo martedì 15 giugno, dalle 21,30, nell’incantevole cornice di piazzetta Gramsci a Porto San Paolo, con un omaggio cinematografico a Dante, per i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta, con la proiezione de “L’Inferno”. Film muto del 1911 diretto da Francesco Bertolini, Giuseppe De Liguoro e Adolfo Padovan e musicato in diretta con la colonna sonora originale di Luigi Frassetto, insieme ad Alessio Manca, Francesca Fadda, Gioele Lumbau e Francesco Sergi. Neri Marcorè leggerà alcuni passi della prima cantica e si esibirà nella veste di musicista. Il testo del film e la scelta dei brani sono stati curati da Marco Navone e Vanessa Pirrello.

I BIGLIETTI. L’evento, che prevede la partecipazione del pubblico su prenotazione, si svolgerà con ingresso a pagamento di 2 euro, più il costo della prevendita. Tutti i biglietti, a partire da quelli per l’evento con Neri Marcorè di martedì 15 giugno, sono acquistabili on line sul sito del Cinema Teatro Olbia: www.cinemaolbia.it

IL WORKSHOP. Il 19 giugno sarà poi inaugurato il primo workshop del Festival dal titolo “Corpo a corpo con la città. Esperienze visuali nella ricerca”. Si tratta di un percorso tra cinema e periferie urbane, tenuto in collaborazione con la facoltà di Architettura dell’Università l’università di Cagliari da Maurizio Memoli: quest’ultimo è l’attore protagonista di uno dei due film che verranno proiettati (Murat), docente a Cagliari e occhio sensibile tra “cinema e città” che ha coordinato diversi lavori di ricerca su questa tematica. Insieme a lui ci sarà Emanuel Muroni, giovane ricercatore della stessa facoltà, già collaboratore per anni del Festival di Tavolara. Il seminario si articolerà in due giornate e sarà a numero chiuso, per massimo dieci alunni. Si svolgerà al “Politecnico Argonauti”, nel rispetto delle prescrizioni sanitarie anti Covid 19.

IL PROGRAMMA. Si parte, dunque, sabato 19 giugno a Olbia. Questo il programma:

Mattina
9:30 | 10:00. Introduzione al programma delle due giornate.
10:00 | 10:15. Presentazione dell’esperienza di “Murat. Il geografo”.
–           Come nasce l’idea;
–           presentazione della trama ed esigenze di comunicazione;
–          racconto della ricerca.
10:15 | 11:30. Visione ragionata del film “Murat. Il geografo” | Docu Film, 70 min., 2014/15[1].
11:30 | 12:30. Opinioni, ragionamenti e gestione delle argomentazioni emerse in sala.

Pomeriggio
15:00 | 15:30. Un rapporto tra geografia non rappresentazionale e visuale.
15:30 | 17:00. Commento e racconto del film con notazioni mimetiche.
17:00 | 18:00. Dibattito e confronto aperto con i presenti e le tematiche da loro sollevate.

Il workshop proseguirà domenica 20 giugno:

Mattina
10:00 | 10:15. Presentazione dell’esperienza di “Sant’Elia. Frammenti di uno spazio quotidiano”. Un film partecipato.
–          Come nasce l’idea;
–           presentazione della trama ed esigenze di comunicazione;
–          racconto della ricerca.
10:15 | 11:15. Visione ragionata del film “Sant’Elia. Frammenti di uno spazio quotidiano” | Web-Doc, circa 60 min, 2016/17[2].
11:15 | 12:30. Opinioni, ragionamenti e gestione delle argomentazioni emerse in sala.

Pomeriggio
15:00 | 15:30. Un focus sulla periferia e altre tematiche sensibili emerse in mattinata.
15:30 | 16:30. Le serie tv come mezzo per spiegare la geografia urbana. L’esperienza didattico analitica recente di: “serie tv, città e spazio” nel corso di Geografia Urbana. La relazione tra visuale e città, ma anche il coinvolgimento dei ragazzi del primo anno dell’Università durante le problematiche della DAD.
16:15 | 17:00. Presentazione dell’esperienza dell’Asinara e di “L’isola felice”.
17:00 | 17:15. Visione ragionata del cortometraggio “L’isola felice”.
17:15 | 18:00. Opinioni, ragionamenti e gestione delle argomentazioni emerse in sala.

MISURE ANTI-COVID. Il pubblico, come lo scorso anno, sarà contingentato e distanziato nel rispetto della normativa anti-Covid. L’intero incasso, come lo scorso anno, verrà devoluto in beneficenza. Il Festival del cinema di Tavolara sarà sostenuto dalla Regione Autonoma della Sardegna, assessorato alla Pubblica istruzione; Fondazione di Sardegna; MIC, Direzione generale Cinema e Audiovisivo; dai comuni di Olbia, Porto San Paolo e San Teodoro; Moys, Marina di Olbia; Cantine delle Vigne di Piero Mancini; con la collaborazione del ministero per l’Ambiente, dell’Area Marina Protetta di Tavolara-Punta Coda Cavallo, David di Donatello Accademia del cinema italiano, Centro Cinema città di Cesena, Fondo fotografico Antonio Maraldi e ristorante da Tonino Re di Tavolara.

[1] Il film Murat il geografo è disponibile sul sito webdoc.unica.it _Vedi: https://vimeo.com/muratgeo
[2] Il film Sant’Elia. Frammenti di uno spazio quotidiano è disponibile sul sito webdoc.unica.it _Vedi: http://webdoc.unica.it/santelia/index.php

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: