EvidenzaHinterlandPorto Torres

Festha Manna a Porto Torres, stanotte il pellegrinaggio da Sassari

Domenica dalle 19 la processione dei simulacri dei Santi Martiri Turritani da Balai verso San Gavino. Lunedì mattina il solenne pontificale con lo scambio delle chiavi

Porto Torres. Un momento sinodale per chiedere il dono della pace e dell’amicizia sociale per intercessione dei Santi Martiri Gavino, Proto e Gianuario. Questo il senso pellegrinaggio notturno da Sassari a Porto Torres che avrà inizio sabato 4 giugno alle 22, a conclusione della solenne Veglia di Pentecoste nella cattedrale di San Nicola. Sarà questo il punto di partenza del tradizionale pellegrinaggio notturno verso la basilica dei Martiri Turritani di Porto Torres. Il percorso sarà guidato dall’arcivescovo Gian Franco Saba e intende essere un appuntamento che coinvolge tutti: dalle autorità accademiche a quelle civili, dalle associazioni ai singoli fedeli. Quest’anno sono stati invitati in particolare gli studenti delle scuole superiori e dell’Università di Sassari, incontrati tra marzo e aprile nel corso della visita pastorale dell’arcivescovo. Saranno loro, con la loro presenza, ad esprimere visibilmente la richiesta di pace in Ucraina e in tutti i teatri di guerra.

INDICAZIONI PRATICHE. Il percorso è lungo poco più di 19 km. La partenza è prevista da piazza Duomo. Il corteo attraverserà alcune vie del centro storico di Sassari fino ad imboccare il tratto extraurbano del pellegrinaggio. In questa parte del cammino sono previste tre stazioni rispettivamente a Li Punti (Nuova Capolino), a Ottava (Distributore Esso) e a Li Lioni (fronte Tenute Li Lioni) dove i pellegrini potranno timbrare la Carta del Pellegrino, fermarsi per un momento di preghiera, riposare e trovare un po’ di ristoro. Oltre ai pellegrini e alle autorità, nel tragitto saranno presenti anche le forze dell’ordine e alcuni volontari per garantire sicurezza e assistenza. All’arrivo a Porto Torres l’arcivescovo celebrerà, presso la basilica turritana, la Messa del Pellegrino intorno alle 3 del mattino. Previsti aggiornamenti in tempo reale sui canali social dell’Arcidiocesi, in particolare Facebook e Instagram.

IL SIGNIFICATO. Una delle più belle immagini che definisce la creatura umana è quella di un essere in cammino, “homo viator”. La vita dell’uomo è un pellegrinaggio: dalla nascita fino alla morte, egli è in cammino verso un desiderio di pienezza, teso al raggiungimento di una Patria. Dalla tarda antichità si sono definite vere e proprie vie di pellegrinaggio, soprattutto verso le chiese costruite sulle tombe dei martiri. I viaggi si svolgevano lungo la rete delle antiche strade romane, che ci si sforzava di preservare curandone come si poteva la manutenzione. È per questa ragione che uno dei pellegrinaggi più antichi della Sardegna è quello che aveva come meta l’antica cattedrale di San Gavino a Porto Torres e gli ipogei di Balai vicino, secondo la tradizione primigenio locus depositionis delle spoglie dei tre Martiri Turritani. La conferma che quest’ultimo sito sia stato oggetto, fin dalla tarda antichità, di peregrinationes è testimoniata dalla presenza di antichi graffiti, recentemente scoperti, raffiguranti i simboli devozionali del chrismon, della palma del martirio, della croce uncinata, delle cosiddette ‘orme del pellegrino’ ed infine del Golgota, incisi nella nuda roccia dai pellegrini che si recarono in quel luogo. Come tutti i grandi pellegrinaggi medievali, anche quello legato ai Martiri Turritani era stato concepito come gli itinerari verso la Terra Santa: si voleva, infatti, ripercorrere il cammino dei discepoli nella Via Crucis. Così il ricordo dei martiri, che hanno offerto la propria vita per Gesù e hanno lavato le loro vesti nel sangue dell’Agnello (Ap 7,13), suscitava negli antichi pellegrini il desiderio di rivivere la passione del Signore, nella contemplazione dei momenti più significativi del Suo supremo sacrificio.

LA STORIA. In epoca moderna il pellegrinaggio notturno fu rilanciato, soprattutto dopo la riforma della pietà popolare voluta dal concilio di Trento. Tale pratica venne definitivamente codificata in una pubblicazione del 1620 dal canonico Francisco Rocca. Il cammino si divideva in dieci tappe, ognuna delle quali veniva associata agli episodi della Passione di Cristo. Si partiva da Sassari verso Porto Torres immaginando di lasciare la Betania, come fece Cristo, per raggiungere Gerusalemme. La località di San Giorgio era la prima tappa e veniva associata al cenacolo di Gerusalemme. Il Rocca paragonava la seconda, San Giovanni, all’Orto del Getsemani. Arrivando al villaggio di San Pietro di Ottava bisognava pensare a Gesù nella casa di Hanna, mentre il Rio di Ottava era identificato con il torrente di Cedron. Il Pozzo era la tappa che ricordava la casa di Caifa, mentre le Due Croci simboleggiavano la casa di Pilato. Al Santo Crocefisso bisognava ricordare Gesù a casa di Erode. La

tappa dell’Ultima Croce raffigurava il ritorno di Gesù nella casa di Pilato. La nona tappa, la Basilica di San Gavino, rappresentava il Golgota come attesta il graffito della croce sul Calvario scoperto nell’abside orientale dell’edificio, nel punto di arrivo dei pellegrini. La decima e ultima tappa, Balai Vicino, era il luogo che, come abbiamo visto, secondo la tradizione e i graffiti devozionali scoperti fu la prima sepoltura di Gavino, Proto e Gianuario. Ancora oggi, dopo la Messa del Pellegrino, molti fedeli si recano negli ipogei per raccogliersi in preghiera vicino ai simulacri lignei dei tre martiri.

 

IL PROGRAMMA DELLA FESTHA MANNA

FINO AL 6 GIUGNO
Dalle 9,30 alle 23 il locale “Il Faro” in piazza Garibaldi ospiterà la Collettiva d’arte figurativa di Salvatore Eletti, Salvatore Maricca e Milvia Pintus.

DAL 4 AL 6 GIUGNO
Nel centro storico si terranno i Mercatini degli ambulanti tradizionalmente legati alla Festha Manna.
Dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 22, nel Palazzo del Marchese ci sarà l’esposizione dei cimeli degli ultimi 50 anni di vita degli Scout CNGEI di Porto Torres intitolata “I Nostri Secondi 50 Anni”.

4 GIUGNO
Alle 12 al Museo Del Porto in via Antonietta Bassu inaugurazione dell‘opera pittorica donata alla Città di Porto Torres dall’artista turritano Fanzio in collaborazione con AssoVela.
Dalle 17 alle 19 in piazza della Consolata Laboratorio per bambini organizzato dalla Biblioteca Comunale e dalla cooperativa Comes.
Dalle 18 alle 22 nella sala conferenze del Museo del Porto, “Festha Manna con gli scrittori turritani” in collaborazione con la Fidapa BPW Italy Sezione Porto Torres. Apertura degli stand e presentazione dei volumi di Scrittori turritani e di Autori che hanno trattato nelle loro opere argomenti che riguardano la città di Porto Torres: Melania Delogu, Alessandro Derrù, Glauco Di Martino, Carlo Eletti, Giovanni Manca, Maria Valeria Manconi, Alessandro Marzano, Marco Pireddu, Alessandra Sannino, Dalila Spezziga. L’evento proseguirà il 5 e 6 giugno dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.
Alle 20 nella parrocchia dello Spirito Santo veglia di pentecoste con cresimandi delle quattro comunità parrocchiali.
Alle 21 al Teatro Andrea Parodi Mildred In Concerto.
Alle 22,30 da Sassari partenza del pellegrinaggio notturno verso la Tomba dei Martiri, guidato dall’arcivescovo Gian Franco Saba. All’arrivo dei pellegrini monsignor Saba presiederà la santa messa del pellegrino (alle 3 circa).

5 GIUGNO
Tappa a Porto Torres del 5° Campionato del Mondo Di Rally, Rally Italia – Sardegna 2022”
Dalle 10 alle 18 nell’area verde intorno alla Torre Aragonese si terrà l’estemporanea di pittura “Porto Torres – La Festha Manna. Nel nome di San Gavino” a cura di Associazione Culturale TNT Global Art.
Alle 18 al parco di Balai celebrazione eucaristica presieduta da don Boniface e concelebrata dai parroci e sacerdoti della città.
Alle 19 partenza della processione dei simulacri dei Santi Martiri Turritani dal parco di Balai verso la basilica di San Gavino.
Alle 20 nell’area verde intorno alla Torre Aragonese si svolgerà “Note Sotto La Torre”: serata musicale folk con balli sardi “In nome di San Gavino” a cura dell‘associazione Intragnas.

6 GIUGNO
Alle 10,30 messa pontificale presieduta dall’arcivescovo Gian Franco Saba, con lo scambio delle chiavi tra i sindaci di Porto Torres e Sassari. L’evento sarà in diretta su Videolina.
Alle 21 sotto la Torre Aragonese concerto degli Istentales e dei Modena City Ramblers. Si tratta di una collaborazione cementata nei giorni scorsi con la presentazione del singolo “Sciopero”, scritto insieme e tratto dal nuovo disco della band barbaricina: un brano di grande attualità che rappresenta la dura presa d’atto della drammatica situazione economica in cui versa la nostra società.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: