EvidenzaSassari

Ex Fondazione Brigata Sassari, l’Ersu vince davanti al Tar

La causa era contro il progettista e direttore dei lavori. Subito scorrimento della graduatoria per individuare un nuovo professionista

Sassari. L’Ersu Sassari ha vinto il ricorso davanti al Tar della Sardegna contro il progettista e direttore dei lavori della ex Fondazione Brigata Sassari, sollevato dall’incarico nel mese di luglio dello scorso anno per la sopraggiunta perdita dei requisiti professionali previsti dalla legge per svolgere l’incarico. Gli uffici dell’Ente, procedendo a verifiche nella fase preliminare di affidamento dei lavori complementari per l’ultimazione della nuova Casa dello Studente di via Carlo Felice, avevano evidenziato la perdita dei requisiti da parte del progettista. I vertici aziendali avevano così deciso di sollevare dall’incarico il professionista in via cautelativa, il quale aveva immediatamente depositato la propria opposizione al provvedimento al Tribunale Amministrativo Regionale.

Una vicenda che ha creato un inevitabile stop ai lavori, che sarebbero potuti concludersi entro l’estate del 2019. L’ente ha comunque preferito attendere il pronunciamento del Tar prima di procedere con lo scorrimento della graduatoria e la prosecuzione delle opere complementari.

«Siamo soddisfatti dell’esito della sentenza che conferma la grande professionalità dei reparti amministrativi e tecnici dell’Ersu – ha sottolineato il presidente Massimo Sechi –. Quanto accaduto ha causato un rallentamento di circa un anno nella consegna della struttura agli studenti e alle studentesse iscritti a Sassari; contiamo di procedere in maniera più che spedita per giungere quanto prima al termine dei lavori e all’inaugurazione della nuova Casa dello Studente che disporrà di ben 75 posti letto».

Nelle opere di completamento dell’area è compresa anche la realizzazione di una piazza con aree verdi e parcheggi a raso con ingresso da viale Adua (che diverrà l’entrata ufficiale della nuova residenza studentesca), fruibile anche dalla città. «Con l’apertura su viale Adua e la creazione della piazza – ha detto Antonello Arghittu, direttore generale dell’Ersu – l’ente si apre alla città e contribuirà a dare nuova vita e attrattività all’intero quartiere».

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: