EvidenzaPolitica

Elezioni comunali a Sassari, il Pci chiede una vera alternativa di sinistra

Proposto a tutte le forze progressiste, civiche e autonomistiche un incontro per la definizione di un programma e di un percorso per la scelta di un candidato sindaco che sia alternativo al Pd

Patrizia Marongiu

Sassari. «Anche se il tempo stringe, ci sono ancora le possibilità per costruire a Sassari una vera alternativa di sinistra e di progresso. Il Partito comunista italiano propone a tutte le forze di sinistra, autonomistiche, alle formazioni civiche progressiste un incontro per la definizione di un programma e di un percorso per la scelta di un candidato sindaco che sia alternativo al Pd, partito che porta per intero la responsabilità di un lungo malgoverno, di un decadimento e impoverimento della città e del suo ruolo storico». È quanto scrive in una nota Patrizia Marongiu, segretaria provinciale del Partito Comunista Italiano.

«Il Pci fa dunque appello a quelle forze che vogliono combattere la destra e le sue finte liste civiche con una proposta di vera svolta che deve avere il Pd totalmente fuori da ogni possibilità di intesa e dialogo. I comunisti sassaresi si rivolgono in primo luogo a quelle forze di sinistra, autonomiste e identitarie – pur se su posizioni differenti in recenti elezioni – con le quali sia possibile un proficuo tratto di strada politico e programmatico per dare risposte ai tanti problemi della città», argomenta Patrizia Marongiu. «La condizione è che queste formazioni escano da una logica perdente del rapporto a ogni costo col Pd. Come è possibile fare accordi con questo partito che ha partorito, con Nicola Sanna, una delle peggiori esperienze amministrative della storia cittadina, paragonabile solo ai disastri anche morali dell’antico pentapartito? Come è possibile restare dentro una logica perdente e subalterna di chi propone sondaggi con candidati così diversi tra loro pur di salvarsi? Che senso ha rilanciare primarie per contarsi, con quello stesso Pd che invece pensa a un ritorno dei vecchi boiardi e personaggi? Per il Pci serve una svolta unitaria del vasto mondo della sinistra e dell’autonomismo che abbia la forza di rivolgersi alle forze della cultura, del lavoro, dell’ambientalismo. Sassari ne ha bisogno per risalire faticosamente la china. Ecco perché i comunisti invieranno inviti ufficiali a un incontro a tutte le forze che si renderanno disponibili al confronto per la salvezza di Sassari».

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: