EvidenzaSassari

Donazione straordinaria della Brigata Sassari alla Caritas del capoluogo turritano

Oltre 2.300 prodotti alimentari di prima necessità, pari a circa una tonnellata e mezzo di cibo e bevande da destinare a persone e famiglie bisognose di Sassari

Sassari. Oltre 2.300 prodotti alimentari di prima necessità, pari a circa una tonnellata e mezzo di cibo e bevande da destinare a persone e famiglie bisognose di Sassari che versano in situazioni di particolari difficoltà economica a causa dell’emergenza coronavirus. È il frutto della speciale raccolta alimentare che le famiglie dei militari del 152° reggimento fanteria, del Reparto Comando Supporti Tattici e del Comando della Brigata Sassari hanno donato alla Caritas diocesana del capoluogo turritano. Le derrate alimentari, confezionate nel rispetto dei requisiti igienico sanitari sia per il caricamento che per il trasporto a bordo dei mezzi dell’Esercito, sono state consegnate dai “sassarini” ai responsabili del Centro servizi della Caritas diocesana in largo Seminario che provvederanno a distribuirle predisponendo il servizio più volte alla settimana per andare incontro anche a coloro che solitamente non si rivolgono alle parrocchie.

«Il Covid -19 ha messo in crisi numerosi settori. Da qui l’iniziativa spontanea della raccolta di alimenti a lunga scadenza per far fronte alle situazioni di bisogno e disagio in cui versano molte famiglie della nostra città», ha dichiarato il comandante del 152° reggimento, colonnello Giuseppe Rocco. «La solidarietà e l’altruismo sono valori che fanno parte del Dna dell’Esercito, di un Esercito che è tra la gente e per la gente. In questo frangente così particolare e drammatico che vede ancora una volta esposte le persone più fragili, le nostre famiglie e noi militari sentiamo il dovere di non lasciare indietro nessuno», ha concluso Rocco. «Ringrazio la Brigata Sassari per questo gesto di solidarietà concreta che nasce dalla volontà di mettere al centro la dignità delle persone per le quali il cibo non è solo un conforto, ma una necessità primaria difficile da soddisfare e grande sostegno in un progetto volto alla cura integrale dell’uomo», ha affermato il direttore della Caritas diocesana, don Gerolamo Derosas, che si è detto «preoccupato per l’aumento in città della povertà, in maniera particolare della nuova categoria di poveri causata dalla pandemia, ma anche fiducioso nello spirito di generosità e altruismo che ha sempre contraddistinto la nostra comunità profondamente legata alla carità evangelica».

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: