EventiEvidenza

Da Mario Segni a Paolo Crepet, i nuovi appuntamenti del Mut di Stintino

Dal 18 al 22 agosto quattro eventi, tra fake news e musica, archeologia e futuro post-pandemico

Stintino. Continuano gli appuntamenti del Mut, Museo della Tonnara di Stintino, che da mercoledì 18 a domenica 22 agosto presenta quattro eventi, tra fake news e musica, archeologia e futuro post-pandemico. Mercoledì 18 agosto alle 19,30 sarà presentato “Il colpo di stato del 1964. La madre di tutte le fake news” di Mario Segni. Nel 1967 uno scoop sull’Espresso accusava il Presidente della Repubblica Antonio Segni e il comandante dei Carabinieri Giovanni De Lorenzo di avere organizzato un colpo di Stato durante la crisi di governo del 1964. Il libro, che si avvale di un’esclusiva documentazione inedita, punta a smontare i racconti della storia di quegli anni, contribuendo a riscriverla con il rispetto della verità dovuto all’opinione pubblica. Dialogheranno con l’autore Carla Bassu, docente di Diritto pubblico comparato dell’Università degli Studi di Sassari e Luigi Guiso, docente di Economia dell’Einaudi Institute for Economics and Finance.

Venerdì 20 agosto alle 19,30 un incontro con gli archeologi Luca Doro e Mario Paddeu che presenteranno i lavori di restauro e valorizzazione del Nuraghe Palmavera di Alghero. Interverranno Gabriella Gasperetti, funzionaria archeologa della Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio per le province di Sassari, Olbia-Tempio e Nuoro e Patrizia Tomassetti, direttrice dei lavori di restauro del Nuraghe Palmavera. Le indagini archeologiche effettuate dal Segretariato Regionale del Ministero della Cultura per la Sardegna, in occasione degli ultimi lavori di restauro e valorizzazione dell’area archeologica, hanno permesso di individuare la presenza di una terza torre all’intero del complesso nuragico, crollata o demolita probabilmente a seguito di cedimenti strutturali.

Sabato 21 agosto alle 21 andrà in scena sulla terrazza del Mut “Frammenti di storia di Francesco Pais – Viaggio nella prima metà del Novecento in musica e poesia”. Lo spettacolo, tratto dal libro omonimo, una raccolta di poesie e di ballate, si focalizza sulle due guerre mondiali e sul ventennio fascista, tratteggiando la trincea, il confino, la battaglia del Nord-Africa, i campi di concentramento.

Domenica 22 agosto alle 21,30 Paolo Crepet, in dialogo con Luca Telese, presenterà il libro “Oltre la tempesta. Come torneremo a stare insieme”, uno sguardo al futuro post-pandemico. L’evento è organizzato con la collaborazione della Libreria il Labirinto di Stintino e si svolgerà sulla terrazza del Mut.

Per accedere agli eventi in programma al Mut è necessario essere in possesso del Green pass. Tutte le info su www.mutstintino.com.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: