CronacaEvidenza

Coronavirus, Blue River e Alimenta aiutano la Sardegna

Arrivano oggi a Cagliari 1.800 pezzi di indumenti di protezione medica, 40 mila mascherine mediche e 250 mila paia di guanti medicali, per un valore di 320 mila euro

Cagliari. Saranno consegnate questa mattina, mercoledì 25, alle 10 alla Protezione civile (Centro servizi di Macchiareddu, Cagliari), le quattro tonnellate di medicali in arrivo dalla Cina per sostenere la Sardegna nella lotta al coronavirus. Il carico di 1.800 pezzi di indumenti di protezione medica, 40 mila pezzi di mascherine mediche e 250 mila paia di guanti medicali, per un valore di 320 mila euro, arriva nell’isola dal Gigante asiatico grazie alla donazione della società cinese Blue River che con l’azienda sarda Alimenta opera nel settore lattiero caseario e produce ingredienti di origine ovina in polvere (latte in polvere e siero in polvere).

Proprio Blue River, con il sostegno delle istituzioni locali del distretto di distretto di Wangcheng e della provincia di Hunan, aveva deciso di fare una donazione alla Regione Sardegna per aiutare le istituzioni sarde nella gestione dell’emergenza. «Come impresa siamo responsabili verso la società e vogliamo fare la nostra parte in questa lotta», ha detto Chen Yuanrong, presidente del consiglio di gruppo Blue River, presentando l’iniziativa durante una conferenza stampa organizzata lo scorso 14 marzo tra le istituzioni della provincia di Hunan e del distretto di Wangcheng, i vertici della Blue River e in collegamento da Cagliari i rappresentati della Regione e di Alimenta.

Il rapporto con la Sardegna. L’unione tra la Alimenta Srl, l’azienda di Macomer operante nel settore lattiero caseario dal 1996 e che produce ingredienti di origine ovina in polvere (latte in polvere, siero in polvere) e la Blue River, gruppo cinese leader nella produzione e commercializzazione di latte per l’infanzia principalmente costituito da ingredienti di origine ovina era partita con la joint venture siglata a Cagliari a ottobre 2016. La Blue River che possiede anche altri due stabilimenti Nuova Zelanda detiene il 60 per cento delle quote di Alimenta, mentre la restante parte fa capo alla Minoter Spa holding del Gruppo Cualbu. Il sodalizio Alimenta – Blue River ha permesso di avviare a Macomer un investimento di oltre 42 milioni di euro per la costruzione di un nuovo stabilimento per la produzione di latte per l’infanzia.

Tags

Articoli collegati

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: